Spazio e Scienze

L’Agenzia Spaziale Europea fa le prove generali di passeggiate sulla Luna a Lanzarote, in Spagna

Gli astronauti europei e gli esperti dell’Agenzia Spaziale Europea si stanno preparando a una futura esplorazione della Luna con il supporto di strumenti elettronici e geologici aggiornati rispetto a quelli impiegati dalla NASA nell’epoca delle missioni Apollo. Per mettere a punto dettagliati protocolli scientifici la sperimentazione è partita dalla Terra, e in particolare da Lanzarote, in Spagna. Qui nel mese di novembre l’ESA ha condotto simulazioni di passeggiate spaziali sulla superficie della Luna, nell’ambito della campagna di test Pangea-X. È la seconda volta che l’istruttore ESA Hervé Stevenin e l’astronauta ESA Matthias Maurer lavorano fianco a fianco con geologi e ingegneri per simulare passeggiate lunari in questa desolata area vulcanica.

Crediti: ESA-A. Romeo

Il primo problema che stanno cercando di risolvere riguarda le tute spaziali: quelle attuali sono ingombranti e ostacolano i movimenti. Le tute pressurizzate non permettono di inginocchiarsi o piegarsi, e i guanti spessi rendono difficile la raccolta di campioni. Inoltre, i movimenti delle braccia sono limitate, così come il campo visivo. Ne stanno tenendo conto nella messa a punto dei prototipi delle apparecchiature di test. “Dopo aver trascorso molte ore di allenamento con le tute spaziali della NASA ci siamo abituati ai limiti nella mobilità che queste comportano. Abbiamo applicato questa conoscenza e la nostra memoria corporea per testare gli strumenti lunari”, afferma Hervé.

Fra le novità in test ci sono videocamere installate nei caschi che trasmettono in diretta video grandangolari, con panorami a 360 gradi, primi piani e immagini zoomate. “La sfida è quella di usare questa esperienza agli per prendere le migliori decisioni possibili basate sulle evidenze scientifiche. La condivisione dei dati in tempo reale, incluse immagini e video, è una parte essenziale”. Gli scienziati del controllo di terra hanno utilizzato uno strumento chiamato Electronic Field Book, che raduna tutti i dati rilevanti in un unico posto, compresa la chat vocale.

Se vi piace osservare il cielo stellato considerate l’acquisto di un telescopio economico come il Telescopio Astronomico Riflettore INTEY. E per orientarvi fra le stelle tenete sotto mano l’Atlante di astronomia