Tecnologia

Megaupload compensava gli utenti più prolifici

Il processo a Megaupload e al team che lo dirigeva, tra cui Kim Dotcom, entra nella seconda settimana e l'accusa continua a produrre prove. Di oggi è la notizia che il sito ha speso ingenti somme in cinque anni per compensare gli utenti più prolifici, che producevano il traffico maggiore, grazie però alla condivisione di film, musica e altro materiale coperto da copyright.

Addirittura in quel lasso di tempo Megaupload avrebbe investito 3 milioni di dollari, di cui 50.000 destinati soltanto a un unico utente, al momento conosciuto solo con la sigla TH, nonostante questo avesse ricevuto ben 120 segnalazioni di infrazione.

Megaupload

A sostegno sono state anche prodotte diverse conversazioni telematiche tenutesi tra i vari membri del team, con l'intento preciso di dimostrare che Dotcom e compagni non potevano essere all'oscuro della natura illegale del materiale condiviso, che però tanti guadagni portava a Megaupload.

Dotcom e gli altri colleghi potranno poi dire la loro più avanti nel dibattimento ma nel frattempo gli avvocati hanno già sollevato alcune obiezioni.

megaupload court 10033288

La prima riguarda il meccanismo in sé: anche attualmente infatti siti come YouTube tollerano singoli utenti che compiono azioni non esattamente legali e persino diversi provider statunitensi non hanno mai bloccato determinati utenti nonostante le dozzine di avvisi di infrazione del copyright ricevuti.

La seconda obiezione invece è procedurale: gli avvocati infatti si chiedono perché accusare i propri clienti producendo prove fornite da un utente anonimo, sottraendo di fatto questo al contraddittorio.

Insomma il processo sarà ancora lungo e la situazione non è affatto chiara, e voi, che idea vi siete fatti di questa complessa situazione?