Home Cinema

Nasce Samsung Display: TV OLED per il popolo

La nascita di Samsung Display, spin off di Samsung Electronics, secondo gli esperti potrebbe preludere a un maggiore impegno nel settore OLED. Com’è risaputo, per il più grande produttore mondiale di schermi piatti il 2011 si è chiuso con una perdita di ben 668 milioni di dollari: ormai la serrata competizione non consente di generare sufficiente profitto. Ecco quindi l’idea di sganciare il settore LCD per poi accorparlo magari in futuro con Samsung Mobile Display, che ormai è concentrata sempre di più nello sviluppo OLED.

Samsung OLED

Samsung Display, secondo i documenti ufficiali, sarà operativa dal primo aprile con un capitale iniziale di 668 milioni di dollari. “È una buona decisione per Samsung Electronics”, ha commentato James Song, analista di Daewoo Securities. “I progetti a lungo termine correlati alla loro attività nel settore schermi guardano all’OLED. Possono migliorare l’efficienza degli investimenti combinando attività simili”. Lo stesso portavoce dell’azienda ha confermato l’analisi in atto della potenziale fusione.

Gli OLED ormai rappresentano il tratto distintivo degli smartphone top di gamma firmati da Samsung, ed entro la fine dell’anno faranno finalmente capolino nel settore TV consumer (TV OLED Samsung e LG da 55 pollici: inizia una nuova era). Nessuno ha mai messo in discussione le qualità cromatiche e tecniche di questa tecnologia, il problema è sempre stato quello dei costi produttivi – motivo per cui Sony ha abbandonato ad esempio ogni progetto

Adesso pare che la situazione sia migliorata, tanto più che le ultime previsioni di DisplaySearch dicono che il fatturato OLED supererà i 20 miliardi di dollari entro il 2018, conquistando il 16% del comparto “schermo piatto”. Una salto notevole se si considera che nel 2011 non si sono superati i 4 miliardi di dollari. In ogni caso Samsung è pronta a investire nel comparto sviluppo OLED circa 4 miliardi di dollari e poco meno di uno in quello LCD.