Tom's Hardware Italia
Sicurezza

Nuova truffa a luci rosse, è un trucco per diffondere virus

Nel messaggio si chiede un pagamento per non diffondere video “imbarazzanti”, ma il vero scopo è di attaccare la vittima con un ransomware.

Trucco che funziona non si cambia. E visto che le prime ondate di email con la truffa a luci rosse sembra aver funzionato benissimo (almeno per i pirati) i cyber-criminali che l’hanno ideata hanno pensato bene di crearne una nuova versione, ancora più infida.

Le prime email, infatti, erano delle semplici truffe: i pirati usavano informazioni rubate su Internet per far credere alla vittima di aver hackerato il suo computer e lo ricattavano minacciando di rendere pubblico un video che avrebbero registrato un video mentre guardava materiale pornografico su Internet.

Quando si sono accorti che il sistema funzionava, hanno cominciato ad alzare il tiro e ad allargare il loro campo d’azione, attaccando anche L’Italia.

Ora, però, non si accontentano più di sperare che l’ingenuità delle vittime le porti a pagare il riscatto. Hanno cominciato a inserire dei malware per comprometterne il computer.

Come? Semplice: nell’email che chiede il riscatto sostengono di aver caricato sulla cloud un file che prova l’esistenza del video e invitano la vittima a scaricarlo per verificare con i suoi occhi. Peccato che nel file ZIP ci siano due malware.

Per saperne di più e approfondire l’argomento leggi l’articolo completo su Security Info, il sito dedicato alle news e agli approfondimenti sul tema della sicurezza informatica.