Tom's Hardware Italia
Telco

Open Fiber, chapeau per le aree bianche: farà di più

Open Fiber ha ufficializzato il suo maggiore impegno nelle aree bianche del primo bando Infratel. Realizzerà reti e servizi migliori oltre le soglie minime.

Open Fiber ha confermato che fornirà una copertura FTTH 100 Mbps superiore a quanto previsto dal primo bando Infratel.

"Open Fiber ha migliorato sensibilmente i requisiti minimi e si è impegnata a connettere oltre 4,2 milioni di unità immobiliari alla velocità massima con tecnologia FTTH in grado di garantire velocità fino anche ad 1 Gigabit/s (GBPS), mentre la restante quota di unità immobiliari facoltative saranno coperte con tecnologia over 30 Mbps", sottolinea sulla sua pagina ufficiale.

Foto Aree Bianche 01 01 01 01

Com'è risaputo OF ha vinto il bando che prevede la costruzione e gestione della rete di accesso per circa 3000 Comuni presenti in Abruzzo, Molise, Emilia Romagna, Lombardia, Toscana e Veneto. Il bando prevedeva il 31% delle unità immobiliari (cluster C) con prestazioni superiori ai 100 Mbps, il 13% (cluster C) con prestazioni superiori ai 30 Mbps, il 43% (cluster D) con prestazioni superiori ai 30 Mbps e un 13% di immobili facoltativi.

Leggi anche: Ecco tutti i segreti di FTTH Open Fiber con Vodafone 1 Gbps

Open Fiber invece è intenzionata a coprire l'87% (cluster C e D) sopra i 100 Mbps, l'8% sopra i 30 Mbps, il 4% facoltativo con 100 Mbps e non raggiungere l'1%. Insomma, un impegno oltre ogni più rosea aspettativa che si deve soprattutto al tipo di architettura scelta.

Leggi anche: Enel Open Fiber, ecco lo schema della sua rete in fibra

Da ricordare che tecnicamente la rete FTTH sarebbe in grado di raggiungere 1 Gbps nei servizi cliente, ma per ora i bandi statali hanno fissato una prestazione minima inferiore. Il motivo? Un po' di buon senso. Le risorse impiegate per fornire e confezionare in futuro servizi consumer avrebbero costi e prezzi più alti. 

"Il cablaggio dei comuni avverrà per fasi. Sono stati identificati con Infratel i primi 51 comuni che saranno coperti. L'elenco è disponibile sul sito Infratel nell'area Bandi e Gare, accessibile a questo link", conclude la nota.

Tutti i lavori saranno completati entro il 2020. Non resta che attendere il piano che riguarda il secondo bando Infratel, assegnato qualche settimana fa.