Home Cinema

Pag 3

Pagina 20: Pag 3


Sanyo PLV-Z2: test oggettivi con la configurazione di fabbrica

Sanyo PLV-Z2: Objective Tests With Factory Settings


Moduli di test

Dopo alcune regolazioni, i livelli dei bianchi sono tutti ben distinguibili, e anche i livelli dei neri sono abbastanza buoni. La saturazione dei colori è leggermente inferiore rispetto quella ideale. È infatti preferibile aumentarla leggermente, tramite il proiettore o il DVD player. Il colori sono tuttavia ben bilanciati e non si sovrappongono l’uno sull’altro. Alcuni potrebbero preferire una tonalità rossa leggermente più forte, ma è solo questione di gusti personali. Infine, Sanyo non ha raggiunto le massime prestazioni in termini di nitidezza. Il modello di prova è risultato leggermente sfocato e siamo stati costretti ad aumentare la nitidezza a +5. Con questa configurazione, il 90% dei modelli di prova è stato riprodotto perfettamente.

Sanyo PLV-Z2: test soggettivi

Ottimizzazioni prima dei test soggettivi

Immagine standard

Contrasto: +2


Luminosità: 0


Colore: +1


Temperatura Colore: Media

Definizione: +5


Gamma: +1

Sanyo PLV-Z2: Subjective Tests


Test soggettivi

L’immagine prodotta dal Sanyo è abbastanza contrastata e luminosa da posizionarsi qualitativamente al di sopra dei proiettori LCD che abbiamo testato. Nelle scene scure, la leggibilità è buona e molti dettagli sono visibili. La nitidezza delle immagini è sempre di buon livello ma a distanza inferiore di 3.4 metri con uno schermo di 98", i pixel rimangono visibili.

I colori sono piacevoli e lo sfondo abbastanza dettagliato. Alcune scene perdono stabilità, ma nulla che crea problemi, specialmente se si utilizza la modalità progressiva dei lettori DVD. Guardando una scena de "Il Gladiatore", le immagini sono definite e luminose. La luce del sole delle scene esterne non è troppo abbagliante e abbastanza naturale. I primi piani mostrano invece un buon livello di dettagli, e si avvicinano notevolmente alla realtà.

Tuttavia, ancora una volta, Minority Report ha stravolto il giudizio, con tonalità chiare troppo luminose e tonalità scure poco profonde.