Spazio e Scienze

Satellite russo fuori orbita, la maledizione di Vostochny?

Nuovo problema con la messa in orbita di satelliti per la Russia, che alle 6:40 ora italiana ha lanciato dallo spazioporto di Vostochny nell'Estremo Oriente russo il razzo vettore Soyuz-2.1b con 19 satelliti a bordo. Tutto sembrava procedere come da programma nelle prime fasi del lancio, salvo che a qualche ora di distanza l'agenzia spaziale russa Roscosmos ha ammesso di avere perso i contatti con il satellite idro-meteorologico Meteor-m 2-1, che a quanto pare non è entrato correttamente in orbita.

Una sorta di maledizione per lo spazioporto che dovrebbe con il tempo prendere il posto di quello kazako di Bajkonour da cui vengono attualmente lanciate le navicelle spaziali Soyuz con equipaggi e cargo diretti alla ISS.

2

Prima i problemi di corruzione che hanno interessato la base, poi il primo lancio avvenuto con successo il 28 aprile del 2016, ma anche qui con uno dei tre satelliti che non ha raggiunto l'orbita prevista. Adesso il Meteor-m 2-1, che ha mancato la prima sessione di comunicazione prevista "a causa della sua mancata presenza nell'orbita finale" come comunica Roscosmos.

Le fonti riportano che i funzionari sono al lavoro per "analizzare" tutti i dati raccolti nelle fasi immediatamente successive al lancio e individuare la causa del problema. Al di là del satellite con funzioni metereologiche, infatti, questo era un lancio di grande importanza per l'industria spaziale russa perché aveva visto la partecipazione di clienti canadesi, statunitensi, giapponesi, tedeschi, svedesi e norvegesi. Un successo avrebbe aiutato la Russia a modernizzare la sua industria spaziale, perché come aveva premesso il primo ministro Dmitry Medvedev "il lancio di dispositivi stranieri con veicoli di lancio russi dovrebbe rafforzare le posizioni [Russe] sul mercato globale dei servizi spaziali e aumentare il volume di fondi e investimenti fuori bilancio".

3

Una strada che la Russia prova da tempo e che non sempre è lastricata di successi. Ricordiamo per esempio che un difetto di progettazione del vettore russo Soyuz aveva impedito la corretta messa in orbita di due satelliti della costellazione Galileo lanciati il 22 agosto 2014.

È chiaro che un lancio ben riuscito non sia una garanzia di un lavoro andato a buon fine.


Tom's Consiglia

Se vi piace giocare con i razzi meglio optare per un Saturn V come questo in vendita su Amazon!