e-Gov

Scuola, accesso negato al sito per gli aspiranti supplenti

È proprio dura la vita dell'insegnante. Per quelli supplenti, poi, alla precarietà si aggiungono in queste ore le forche caudine dell'inadeguatezza della piattaforma informatica del Ministero per l'Istruzione. Cosa sta succedendo? Entro il 25 luglio centinaia di migliaia di aspiranti supplenti devono indicare – sul sito Istanze online del MIUR – le scuole in cui si è disponibili ad insegnare nei prossimi tre anni. Già, ma il numero di accessi è evidentemente superiore alla capacità del sistema informatico, che restituisce il fatidico messaggio di errore 403: "Access is denied".

accesso negatoIl coordinatore della FGU-Gilda degli Insegnanti, Rino di Meglio, scrive che "non è possibile che la fretta e l´approssimazione della macchina burocratica metta le scuole e i docenti nelle condizioni di passare la bollente estate del 2017 a rincorrere le disfunzioni del sistema informatico che dovrebbe facilitare le operazioni e risparmiare tempo. Non farlo perdere come sta, invece, avvenendo".

E non è finita. Il portale ScuolaInForma fa sapere che "l'odissea non è terminata". Molti insegnanti, dopo aver compilato online il modulo B "si sono trovati con la scuola capofila sbagliata o con le scuole inserite due volte, con un ordine di preferenze non rispettato nel PDF e, cosa peggiore, con i punteggi errati". In alcuni casi chi ha contattato le segreterie scolastiche "ha scoperto che si tratta di un bug del sistema".

Insomma, piove sul bagnato, nonostante la siccità. Inutile cercare sul sito del MIUR o sul portale Istanze online un comunicato ufficiale sull'accaduto o tantomeno un laconico messaggio "chiediamo scusa".

Post Scriptum. Alla fine, dopo l'ondata di polemiche, il Ministero ha pubblicato sul suo sito un comunicato. Eccolo:

"Alle 18 di oggi erano 200.000 sui 655.056 attesi i 'modelli B' inseriti a sistema nell'ambito delle domande per le supplenze di istituto, pari a oltre il 30% del totale. Il modello B consente alle insegnanti e agli insegnanti di indicare le scuole (fino a 20) in cui vogliono fare supplenza. I modelli potranno essere compilati fino al 25 luglio prossimo. La procedura è stata aperta il 14 luglio e nei primi giorni c'è stato un afflusso molto alto di utenti sul sistema di caricamento di domande, con picchi di oltre 150 tentativi di inserimento al minuto.

Rispetto ad una media di 300.000 domande dei precedenti aggiornamenti delle graduatorie di istituto, quest'anno le domande sono oltre 650.000. Un'affluenza che ha provocato effettivamente rallentamenti per l'accesso al sistema. Quest'anno i tempi di compilazione del modello sono poi più ristretti rispetto al passato e anche questo ha portato ad una maggiore concentrazione di utenti sul portale dedicato. Anche per questo è stata richiesta al fornitore una modifica al sistema di inserimento che ha consentito un miglioramento delle operazioni. Nella sola giornata di oggi, infatti, sono state inserite e inviate correttamente oltre 50.000 domande. La fascia oraria fra le 10 e le 13 risulta essere quella di maggiore concentrazione".


Tom's Consiglia

In attesa che il sito si sblocchi, ecco il buon vecchio Cubo di Rubik