e-Gov

SIAE pronta a vendere gli iPhone a prezzi ribassati

La SIAE sarebbe pronta a vendere "in Italia iPhone ai prezzi francesi". A seguito della decisione di Apple di correggere al rialzo i prezzi di listino per far fronte al rincaro dell'equo compenso, SIAE ieri sera ha diramato un comunicato stampa a dir poco provocatorio.

Il comunicato SIAE

"La SIAE prende atto con rammarico dell'incremento dei prezzi dei dispositivi Apple, fatto che dimostra ancora una volta come la multinazionale americana abbia come unico obiettivo quello di aumentare i propri profitti attraverso la discriminazione dei consumatori italiani rispetto a quelli degli altri Paesi europei dove, pur in presenza di una copia privata più elevata, i prezzi restano notevolmente più bassi, come risulta palese dalla tabella allegata", scrive SIAE.

La tabella effettivamente fa sembrare l'Italia il paese più caro d'Europa ma bisognerebbe vedere cosa succede in tutti gli Stati Membri e non solo quelli che fa comodo. E poi un conto è parlare di aumenti dovuti all'equo compenso, un conto è entrare nel merito delle strategie commerciali delle aziende.

La tabella SIAE su iPhone 5S

Il colpo di scena comunque SIAE se lo lascia per il finale. "[…] per dimostrare la scorrettezza del colosso americano, la SIAE si riserva di vendere in Italia iPhone ai prezzi francesi, favorendo così i consumatori ed evitandone l'ingiustificata depredazione decisa dall'azienda di Cupertino", prosegue la nota. "La SIAE invita, infine, tutte le associazioni dei consumatori a unirsi alla Società per difendere i consumatori italiani e la cultura del nostro Paese".

Immaginare SIAE che si mettere a vendere iPhone a prezzi francesi, quindi 917 euro invece che 954,25 euro, è la battuta più divertente di luglio. Però a pensarci bene dovremmo sostenerli: sarebbe la volta buona che SIAE e compagnia cantante vengono costretti davanti alle autorità a giustificare il loro operato