Tom's Hardware Italia
Home Cinema

Singolo TT o Multi TT

Pagina 3: Singolo TT o Multi TT
Un hub USB si rivela spesso una necessità se bisogna far coesistere diverse periferiche esterne. Per poter usufruire contemporaneamente di apparecchi conformi agli standard USB 2.0 e USB 1.1, il vostro hub dovrà disporre di un'architettura chiamata TT (dall'inglese Transaction Translator), capace di gestire differenti canali dati. Nel nostro test, abbiamo confrontato un hub classico dotato di un solo TT, con uno multi TT.

Singolo TT o Multi TT

Un modo per incrementare la banda totale è quello di
collegare periferiche USB 1.1 a hub 2.0.

Tutti gli hub USB 2.0 hanno almeno un transaction translator
(TT), pertanto sono compatibili verso il basso. Il TT automaticamente riconosce
il tipo di USB connesso ad una specifica porta e traduce ogni segnale USB 1.1
in USB 2.0. Ma qui c’è l’inghippo: se avete a disposizione solo un TT
per tutte le porte disponibili, la larghezza della banda verrà ridotta
a non più di 12 Mbit/s.

Singolo TT o Multi TT


Le prestazioni complessive si
riducono quando tutte le periferiche collegate all’hub devono dividersi un solo
transaction translator.

Si può ovviare al problema usando hub USB di qualità
maggiore, che possiedono tanti TT quante sono le porte. Le periferiche connesse
all’hub non dovranno più aspettare il loro turno per ricevere un po’
di banda; i TT saranno in grado di far viaggiare, mantenendoli separati, tutti
i dati nel canale USB 2.0.

Singolo TT o Multi TT


Ciascuna porta in questo hub ha
a disposizione un proprio transaction translator. Tuttavia, solo tre sono in
uso: una periferica USB 2.0 è collegata alla quarta porta e i suoi dati
non hanno bisogno di essere tradotti per poter essere trasferiti.