e-Gov

Stephen Elop: non ho affossato Nokia per favorire Microsoft

Stephen Elop a ruota libera. Durante un botta e risposta (Ask Me Anything) sul sito di Nokia, l'ex amministratore delegato dell'azienda finlandese, ora rientrato in Microsoft (dove aveva già lavorato in passato), ha risposto alle domande degli appassionati su come sarà il nuovo corso e sulle decisione prese in passato.

Ed è proprio ciò che è avvenuto negli anni scorsi l'aspetto più interessante dell'intervista. Sono in tanti a rinfacciare a Elop la chiusura di molti progetti dal buon potenziale, da MeeGo a Meltemi, fino al passaggio da Symbian a Windows Phone – snobbando Android. Il dirigente canadese era considerato – e lo resta tuttora – un uomo di Microsoft in Nokia, spinto da Steve Ballmer a prendere decisioni sbagliate. L'obiettivo? Far scendere il prezzo l'azienda in modo che la casa di Redmond potesse acquistarla a prezzo di favore.

Complotto?

Elop ha ovviamente rispedito al mittente il quadro complottista. "Sono cosciente che ci sia molta emotività riguardo le dure decisioni che abbiamo preso. Sul finire del 2010 e nel corso del 2011 abbiamo valutato attentamente l'impegno di Nokia nei sistemi operativi. Purtroppo non abbiamo trovato un modo in cui Symbian potesse essere portato a un livello competitivo con, ad esempio, l'iPhone che era uscito sul mercato tre anni prima. L'impegno su MeeGo era in netto ritardo e non avevamo la possibilità di creare un'offerta sufficientemente ampia in tempi brevi. Abbiamo dovuto prendere una decisione importante per dare a Nokia la possibilità di tornare a competere".

"Per quanto riguarda l'accusa di essere un cavallo di Troia, ho sempre e solo lavorato per conto e nell'interesse degli azionisti di Nokia mentre ero in quell'azienda. Inoltre, tutte le decisioni fondamentali, di business e strategiche, sono state prese e messe in atto con il sostegno e l'approvazione del consiglio di amministrazione di Nokia, di cui ero membro".

Il dirigente canadese ha anche affermato che Microsoft continuerà a sostenere la gamma di prodotti Nokia X, che è basata su Android ma con un'interfaccia decisamente modificata, che ricorda Windows Phone. Inoltre ha sottolineato come il nome Nokia non sarà usato troppo a lungo da Microsoft per gli smartphone. "Il brand Nokia è a disposizione di Microsoft solo per un periodo limitato. […] Stiamo lavorando per scegliere il marchio del futuro".

Microsoft non è intenzionata a usare il nome della divisione – Microsoft Mobile – per i terminali del futuro. Secondo Elop quel nome è solo "una costruzione legale creata per facilitare la fusione. Non è un marchio destinato ai consumatori". E siamo abbastanza d'accordo. Chissà che nome sceglierà la casa di Redmond. Avete proposte?