Tom's Hardware Italia
Spazio e Scienze

Sulla Stazione Spaziale un robot ripara un altro robot

Il braccio robotico Canadarm2 installato sulla ISS si sta riparando da solo. Questo è solo il primo passo per rendere superflue le rischiose passeggiate spaziali svolte dagli astronauti in caso di guasti.

Le passeggiate spaziali degli astronauti sono belle da vedere e un'esperienza unica per chi le compie, ma sono molto pericolose. L'imprevisto è sempre dietro l'angolo in un ambiente ostile come lo spazio. Purtroppo ci sono situazioni che richiedono agli astronauti di indossare le loro tute e passare ore all'esterno per riparare un guasto.

Fortunatamente la robotica fa passi da gigante e, prima o poi, non sarà più necessario per l'uomo esporsi a tali rischi. Un robot spaziale, chiamato Dextre, sta infatti riparando Canadarm2, un braccio robotico canadese installato sulla ISS. Il robot è a metà di un lavoro volto a rimpiazzare alcune videocamere. Poiché il braccio, Dextre e una base mobile compongono il cosiddetto Mobile Servicing System, ne consegue che Canadarm2 si sta riparando da solo.

In tutto questo gli astronauti hanno un ruolo marginale. È stato richiesto loro solamente di spingere la macchina fotografica di riserva in una camera di compensazione in modo che Dextre potesse afferrarla. Il robot, per il resto, è controllato a distanza dalla sede dell'Agenzia Spaziale Canadese a Longueuil, Quebec e dal Centro Controllo Missioni della NASA a Houston, in Texas. "L'uso di Canadarm2 e Dextre riduce il numero complessivo di passeggiate spaziali, sicuramente", ha detto Mathieu Caron, supervisore del controllo missione.

L'uso dei robot non solo salvaguarda l'equipaggio umano dai pericoli, ma permette anche di fare un lavoro lungo senza pause o, nel caso fosse necessario, interrompersi. Un robot non deve mangiare né sente la fatica, né è soggetto ad altri problemi. I giorni delle passeggiate spaziali umane però non sono finiti. Dextre ha ancora molti limiti, infatti può gestire strumenti e componenti come viti e bulloni a patto che siano "robot compatibili". Inoltre ha difficoltà a rimuovere coperture come quelle termiche. Chiaramente è solo questione di tempo prima che questi impedimenti diventino un problema del passato.