Tom's Hardware Italia
Sicurezza

Traffico online? Solo il 62% è umano, il resto sono Bot

Un report ha analizzato i numeri del Web dello scorso anno, sottolineando come il 20% dell'intero traffico sia stato generato da Bot maligni. A dispetto dei numeri però il trend è in calo, mentre il traffico generato da umani in crescita.

Nel 2018 ben il 37,8% del traffico Web mondiale è stato generato dall’azione di bot. Inoltre, distinguendo tra quelli benigni, ad esempio risponditori automatici nelle chat etc. e quelli maligni, questi ultimi hanno superato i primi di poco più del 2%: sulla cifra totale infatti hanno generato il 20% del traffico. Numeri impressionanti? Forse, ma in realtà scendendo più nel dettaglio scopriamo che il trend sia addirittura in calo rispetto agli anni precedenti.

Stando infatti ai dati raccolti nel Bad Bot Report di Distil Networks, il traffico generato dai programmi di automazione di alcuni compiti specifici, solitamente gravosi o noiosi per gli esseri umani, hanno infatti visto un decremento rispettivamente del 14,4% per i Bot non dannosi e del 7,5% per quelli maligni, mentre nello stesso periodo il traffico umano è aumentato del 7,5%, raggiungendo quota 62,1% del traffico totale.

Interessante è anche la sezione che tratta della provenienza geografica dei Bot maligni. Secondo il report, infatti, la Russia col 32,6% è la nazione con più traffico bloccato o filtrato perché ritenuta una delle maggiori fonti di traffico di Bot maligni. In realtà però essa non figura nemmeno nella top 5 delle nazioni responsabili di questo tipo di traffico, mentre gli Stati Uniti, col 53,4%, occupano addirittura il podio. Per converso, il traffico USA bloccato è pari ad appena il 6,6%. Insomma, una situazione decisamente paradossale.

Ma quali sono gli obiettivi principali dei bot maligni? Stando al report di Distil il settore più colpito è l’industria del ticketing. Ben il 39,3% del traffico diretto verso i siti Web del settore proverrebbe infatti proprio da bot maligni, mentre il 24,1% addirittura da bot maligni particolarmente sofisticati.

Subito dietro invece troviamo gli attacchi alle singole nazioni. Secondo Distil infatti il 29,9% di tutto il traffico Web indirizzato verso siti governativi sarebbe generato proprio da bot maligni, mentre tra le nicchie più “gettonate” ci sarebbero le pagine per le votazioni elettroniche.