Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
IoT

Un Commodore 64 per scaldare casa, l’idea di un italiano

Il Commodore 64 è il computer più diffuso della storia informatica e, nonostante siano passati oltre trent'anni dalla sua comparsa sul mercato, ancora oggi è oggetto di discussione e applicazione da parte degli appassionati. E se vi dicessimo che un italiano ha studiato un modernissimo sistema di riscaldamento domestico interamente gestito da un Commodore 64?

Si tratta di un progetto di Daniele Redivo, ingegnere elettrico di Trieste, che essendo reduce da un'esosa spesa per una stufa a legna, ha deciso di realizzare un sistema di riscaldamento con automazione interamente gestita dalla scheda di un vecchio Commodore 64.

C64

Daniele spiega che l'automazione del suo sistema è semplice quanto necessaria, poiché si occupa di chiudere l'immissione dell'aria fresca man mano che il fuoco si riduce, chiudendo progressivamente la valvola dell'aria. Ma perché usare la scheda di un computer così vetusto?

Le motivazioni di tale scelta, che per molti può sembrare anacronistica, sicuramente sono di carattere emotivo, poiché si tratta di "un hardware che conosco fin da bambino e che è una pietra miliare nella storia dell'informatica. Facendo un paragone, la mia scelta è molto simile a chi sceglie di usare un'auto d'epoca per andare in giro".

Inoltre, Redivo evidenzia il fatto che la scheda del Commodore 64 (per la precisione la 250469), sia molto affidabile, si guasta di rado, scalda poco, occupa anche poco spazio e oggi ha un costo più che accessibile se consideriamo l'incredibile diffusione di questo mitico home computer.

development
Clicca per ingrandire

Il sistema di riscaldamento comandato dal nostro C64 viene supportato dall'implementazione di alcune schede d'interfaccia, per consentire al vecchio computer di controllare la combustione regolando il flusso d'aria comburente in base ai dati raccolti dai sensori, principalmente dalla sonda di temperatura dei fumi in uscita dalla camera di combustione.

Leggi anche Commodore 64 mini provato, ecco le prime impressioni

Le prime fasi di realizzazione dell'impianto sono di tipo edile.

Redivo ha realizzato nel muro tre nicchie: la più grande per il C64 e le schede d'interfaccia, un'altra per il display LCD da 7 pollici e una piccola per la rotellina di comando per navigare nei menù del software di controllo, il cui supporto fisico è una scheda SD alloggiata nello stesso vano (l'hardware SD2IEC permette di vedere la scheda SD come un floppy disk dal C64).

circuits JPG

Segue la fase di realizzazione delle schede, connesse alla user port del C64. Gli obiettivi del sistema sono:

  •  lettura della temperatura dei fumi della stufa (sensore: termocoppia).
  •  controllo del flusso d'aria comburente tramite una valvola (comando: segnale 4-20mA)
  •  lettura del feedback relativo alla posizione della valvola (segnale 0-10V)
  •  lettura delle temperature interna ed esterna alla casa (sensori: due PT100)
  •  lettura del movimento della rotellina encoder e push button
  •  segnale di comando al relè per lo spegnimento del C64 (power saving mode)
  •  utilizzo di un real-time clock con batteria tampone (non presente nel C64)

Il funzionamento deve essere il seguente:

  •  carico della legna nella stufa
  •  inizio del ciclo di combustione: il C64 apre la valvola dell'aria
  •  accensione del fuoco da parte dell'operatore
  •  combustione della legna (la temperatura dei fumi sale)
  •  quando la temperatura dei fumi inizia a scendere, il C64 riduce progressivamente il flusso dell'aria in modo da non sprecare calore a causa del tiraggio della canna fumaria
  • dopo che la valvola dell'aria è tutta chiusa il C64 si spegne da solo. Restano accese solo le schede d'interfaccia per tenere la valvola chiusa fino al ciclo successivo.

Le schede sono state realizzate su basette millefori, mentre il software è stato scritto in Assembler per la CPU MOS8500 (un derivato del glorioso MOS6502). Un aspetto molto interessante, secondo Redivo, è proprio il software, che nella sua semplicità (due righe di testo monocromatiche su schermo) permette di impostare allarmi sonori grazie al mitico SID del C64, visualizzazione di grafici con l'andamento della temperatura nel tempo, una pagina dedicata ai parametri della combustione, il tutto salvato in una scheda SD.

display and control JPGtrend 1 JPG

Il costo totale sostenuto può dividersi come segue:

  • Monitor LDC 50 euro
  • SD2IEC 30 euro
  • C64 scheda 30 euro
  • Schede interfaccia 100 euro
  • Alimentatori 60 euro

Non sono inclusi i lavori di muratura e chiusura del vano. Totale per la parte elettronica: 270 euro. Il tempo speso per lo sviluppo dell'hardware è stato circa 1 anno, mentre il software è in "continuo sviluppo compatibilmente al tempo libero" conclude Daniele Redivo.

overview 1 JPG
Il risultato finale è stupefacente

Un lavoro davvero notevole che come suggerisce Daniele, a differenza di soluzioni più moderne come una comune scheda Arduino, permette un'importante esperienza formativa, come la scrittura del codice in Assembler, stimolando ognuno di noi alla creazione di qualcosa di completamente nuovo.

Vorreste anche voi una soluzione del genere per casa vostra?


Tom's Consiglia

Se volete mettere le mani su un C64 in miniatura, potete prenotare il nuovo THEC64 Mini  su Amazon.