Auto

Audi: tecnologia da fantascienza con i fari OLED capaci di comunicare

L’illuminazione per automobili è una delle componenti di sicurezza più importanti. Le case hanno investito (e continuano a investire) molto tempo e risorse nello sviluppare soluzioni all’avanguardia. Audi è tra i più attivi verso questa direzione: i suoi modelli sono spesso equipaggiati con tecnologie di altissimo livello, capaci davvero di fare la differenza.

Il costruttore di Ingolstad ancora una volta è pioniere di un nuovo modo di introdurre i gruppi ottici su automobili di serie. Il Suv Q5 è stato il primo a introdurre la proposta a OLED; oggi i tecnici Audi hanno sviluppato un nuovo supporto flessibile che offrirà a designer e ingegneri l’opportunità di creare effetti visivi tridimensionali inediti e scenografici.

Comunicazione e scenografia

I gruppi ottici di nuova generazione presentano una nuova funzione di comunicazione. I segmenti OLED presenti all’interno del faro saranno più di 60: una cifra che consentirà di avere numerosissime possibilità di personalizzazione. Non solo, la struttura consentirà di creare animazioni in grado di comunicare gli altri automobilisti rispetto a pericoli lungo il percorso: dalla strada bagnata e scivolosa alla presenza di un ostacolo.

Una tecnologia d’avanguardia che permetterà di fatto ai gruppi ottici posteriori di migliorare la sicurezza su strada anche per gli altri automobilisti. I substrati flessibili ai quali Audi sta lavorando offriranno ai designer l’opportunità di creare nuovi effetti luminosi tridimensionali con un’area utilizzabile all’interno nel faro maggiore.

Non solo design

La collaborazione tra design e automobili è evidente soprattutto nella forma e nelle linee date alla carrozzeria. La disciplina sta creando per sviluppare soluzioni anche nel campo e nella tecnologia dell’illuminazione. Si tratta di un’esperienza utile a migliorare l’efficienza e l’effetto scenografico dell’automobile.

L’obiettivo primario rimane quello di offrire all’automobilista la miglior esperienza di sicurezza possibile su di una vettura di serie. L’integrazione di una funzione comunicativa attiva con la realtà circostante può offrire soluzioni utili a evitare condizioni di insicurezza, avvisando con anticipo e migliorando così i tempi di reazione.