Auto

Auto a guida autonoma, cosa prevedono le 5 classi

Si fa un gran parlare ultimamente di auto a guida autonoma e nei prossimi anni questo accadrà con sempre maggior frequenza. Tuttavia alla discussione si accompagna anche una generale confusione sul concetto stesso di auto a guida autonoma, sulla sua definizione e sulle sue caratteristiche e capacità, accostando spesso prodotti con capacità e tecnologie molto differenti. In realtà però la normativa è molto chiara in merito, organizzando tutti i veicoli in cinque livelli o classi, di cui adesso andremo rapidamente a vedere le principali caratteristiche.

Livello 0 – auto tradizionale

In realtà la SAE (Society of Automotive Engineers), di classi ne ha stabilite 6, ma dato l'argomento ci interessano quelle che vanno dalla 1 alla 5, visto che la prima, la classe 0, definisce sostanzialmente le automobili la cui guida è totalmente affidata al pilota. In questa categoria rientrano ovviamente tutte le automobili prodotte in passato e fino a tempi recenti, diciamo fino ai primi anni 2000 e più in generale quelle economiche prive di supporti elettronici alla guida o al parcheggio. un concetto di mobilità ormai destinato a scomparire.

Volvo self driving car 706x369

Livello 1 – guida assistita

In questo livello rientrano tutte le auto che lasciano al guidatore il completo controllo, ma che sono dotate di sistemi tali da fornire analisi sulla situazione o assistenza in casi limite. Per comprenderci basta fare due esempi: l'ABS, che impedisce il pericoloso blocco delle ruote, a prescindere da come l'autista stia frenando, il cruise control, che consente di mantenere una data velocità di crociera senza dover tenere il piede sull'acceleratore, o ancora tutte le tecnologie di park assist e di rilevamento della corsia.

Livello 2 – automazione parziale

Un esempio di automobile di livello 2 l'avrete sicuramente visto tante volte in alcune recenti pubblicità: sono quelle auto in grado di intervenire autonomamente, solitamente su frenata e accelerazione, nel caso in cui sia rilevato un pericolo o comunque le impostazioni lo prevedano. Sono un esempio di questo tipo di automobili quelle in grado di evitare una collisione grazie a sistemi di frenata di emergenza, quelle capaci di mantenersi all'interno di una corsia rilevando i limiti della carreggiata o quelle che possono regolare accelerazioni e frenate per mantenere la velocità media impostata, seguendo dinamicamente la densità del traffico. Direzione e controllo del traffico restano comunque sempre escluse e sotto diretta responsabilità dell'autista.

Livello 3 – automazione condizionale

Questo è considerato il primo livello di una vera automazione. In questo caso i sistemi dell'auto sono in grado di sostituire pienamente l'autista nel controllo del veicolo per eseguire determinate manovre. L'autista comunque dovrà restare sempre vigile e pronto in ogni istante a subentrare nel controllo dell'automobile in caso di pericolo. In ogni caso questi sistemi possono prendere il controllo dell'auto solo in determinate situazioni, ad esempio in autostrada o appunto in fase di parcheggio, ma certamente non nel bel mezzo del traffico cittadino.

sae JPG

Livello 4 – alta automazione

In questo caso si intende un'automobile capace per l'intero tragitto, in città come in autostrada, di monitorare e "comprendere" l'ambiente circostante grazie a sensori di vario tipo tra cui telecamere e sistemi Lidar e a un computer di bordo in grado di elaborare la mole di dati ricavandone istruzioni di guida dettagliate. Il pilota resta comunque in ogni istante in grado di riprendere il controllo dell'auto ma quest'ultima può controllare tutti i parametri principali come accelerazione, frenata e direzione, anche nel caso in cui un'autista non risponda appropriatamente a una richiesta di intervento. Al momento non esistono in commercio auto di questo tipo. Un buon esempio infatti è costituito dalla Google Car che però, per circolare, ha bisogno di particolari permessi ed è comunque ancora in fase sperimentale.

Livello 5 – piena automazione

Questo è il Santo Graal dei produttori di auto, il traguardo a cui tutti tendono, ma che per il momento è ancora assai lontano. Parliamo infatti di un'automobile in grado di selezionare da sola il percorso migliore a seconda delle istruzioni impartite dal proprietario, ma soprattutto capace di regolare automaticamente velocità, frenata e direzioni in qualsiasi condizione di strada e di traffico, non richiedendo mai, in alcun caso, alcun tipo di intervento diretto da parte di un essere umano.

volvo driverless car png

A differenza di quanto molti pensano, le attuali Tesla appartengono appena al livello 2 o possono essere considerate a cavallo tra il 2 e il 3, come del resto accade anche alle BMW di ultima generazione, in grado di eseguire in completa autonomia le manovre di parcheggio. Di fatto comunque attualmente sul mercato non ci sono automobili pienamente ascrivibili al Livello 3 così come stabilito dalla SAE, men che meno modelli appartenenti ai Livelli 4 e 5. Potenzialmente le Tesla Hardware 2, quelle cioè attualmente in produzione, dovrebbero appartenere al Livello 5 (dopo che sarà stato distribuito l'aggiornamento ad Autopilot 8.0), ma questo è ancora al di là dall'accadere. Prima infatti i legislatori dei vari Paesi dovranno stabilire una normativa completa per quanto riguarda i temi della responsabilità in caso di incidente, della copertura assicurativa e dei dilemmi morali di fronte ai quali potrà trovarsi un veicolo a guida autonoma.

In ogni caso tutti i più importanti produttori di automobili sono impegnati nello sviluppo di automobili a guida autonoma, da FCA, che ha avviato una collaborazione con Google, a Volvo, fino ad Audi e Ford. Quest'ultima in particolare sta puntando con decisione all'introduzione di auto di Livello 4 già nel 2021, saltando del tutto il Livello 3 e per questo recentemente ha investito ben 1 miliardo di dollari in una startup sconosciuta, Argo AI, fondata però da ex dipendenti Google e Uber.