Auto

I Tuk-Tuk hanno i giorni contati: in arrivo la variante elettrica

La D2H Advanced Technologies – azienda Britannica fondata nel 2015 – ha diffuso pochi giorni fa le immagini della loro rivisitazione in chiave moderna del tradizionale Tuk-Tuk, immaginato nelle vesti di pick-up e furgone completamente elettrico.

L’idea di un sostituto moderno, green ed economico dell’intramontabile Tuk-Tuk era stata annunciata a giugno da D2H Advanced Technologies che si è recentemente attivata per finalizzare gli accordi con i partner necessari e iniziare la produzione dei primi prototipi.

I mercati di riferimento – ammesso che riescano a mantenere un prezzo abbordabile – rimarrebbero quelli dove il Tuk-Tuk tradizionale è uno dei mezzi più diffusi: India, Asia e Sud America.

Secondo D2H Advanced Technologies , il telaio modulare permetterebbe inoltre la produzione di vare tipologie di veicoli elettrici che rispetterebbero i requisiti imposti dalla legge Europea per la classificazione L7E Quadriciclo Pesante. L’inclusione in questa categoria renderebbe il processo di sviluppo significativamente meno dispendioso esonerandoli dalle prove di Crash Test normalmente obbligatorie.

Tuk-Tuk all’avanguardia

Il pacco batterie di cui sarà equipaggiato il Tuk-Tuk – comunica D2H Advanced Technologies – dovrebbe garantirne un’autonomia di 12 ore di uso continuo con una singola ricarica. Il telaio sarà costituito da una polimero termoplastico rinforzato da fibre che permetterà di mantenerne la leggerezza pur garantendo rigidità e robustezza notevoli. Il design definitivo – pur rispettando la normativa L7E Quadriciclo Pesante sopracitata – garantirà maggiore sicurezza rispetto alle alternative tradizionali.

Il peso totale del veicolo – batterie incluse – dovrebbe aggirarsi intorno ai 480kg.
La posizione del pacco batterie potrà essere modificata tra assale anteriore e assale posteriore in base alla configurazione scelta.
Il tutto sarà comandato da un compatto motore elettrico a trazione anteriore – la cui potenza non è ancora stata dichiarata – montato in prossimità delle ruote di trazione.

Il design compatto, il peso ridotto e l’autonomia dichiarata saranno i punti chiave per questo prodotto. L’ultima parola sarà legata naturalmente al prezzo finale che verrà annunciato solo nei prossimi mesi.