Auto

Il futuro elettrico di Porsche tra Mission-E e Motorsport

2020, questa è la data che l'amministratore delegato di Porsche – Oliver Blume- designa come il tempo maturo per pensare all'elettrificazione di massa del brand di Stoccarda. Ad ora l'unica vettura che rappresenta questa vera e propria missione è l'omonima Mission-E, un concept presentato nel 2015 in occasione del salone dell'automobile di Francoforte, in arrivo sul mercato nel 2019.

Gran parte dei 7.4 miliardi di Dollari da investire entro il 2022 verranno impiegati nell'adattare e modificare l'attuale lineup del marchio per accogliere la propulsione full e hybrid electric. A detta del CEO Oliver Blume, la roadmap per l'elettrificazione totale potrà dirsi conclusa entro il 2030, una previsione veritiera per un brand premium come Porsche ma forse troppo ottimista per il resto del mercato.

porsche mission e 8 e1469532721134

Il presidente ha dichiarato, in un'intervista con Newsroom, che vedere una sportscar iconica come la 911 utilizzare un propulsore puramente elettrico potrebbe rappresentare la normalità in una decina d'anni, senza sbilanciarsi troppo sulle manovre che sono in serbo per il brand tedesco.

porsche mission e cross turismo

Questa missione sarà portata a termine, utilizzando le stesse parole di Blume, con una filosofia "slow and steady" ovvero gradualmente ma con fermezza. Il ritmo ipotizzato è probabilmente dovuto a impellenze ingegneristiche non indifferenti che derivano dalla necessità di ripensare da zero la fisionomia della vettura per alloggiare batterie e motori elettrici, nonché perfezionare l'elettronica che è alla base di questo tipo di mobilità.

Porsche Panamera plug in hybrid rear

La strategia prevede un approccio progressivo per evitare decisioni repentine e introdurre gradualmente nell'immaginario collettivo l'idea che la mobilità quotidiana e il futuro del segmento motorsport non potranno che confluire nella tecnologia elettrica.

porsche 2019 Formula E 0 100 640x426

Seguendo questa visione anche Porsche parteciperà alla sesta stagione (2019) del campionato formula E, un'opportunità che permetterà alla casa di Stoccarda di ripristinare la gloria del passato sviluppando tecnologie che troveranno utilizzo sia nelle monoposto sibilanti che nelle più silenziose auto convenzionali.