Ibride e Elettriche

Prova, Renault Clio Hybrid: ottimi consumi per l’ibrido francese innovativo

Le vetture elettrificate stanno vivendo un periodo particolarmente felice. I consumatori sono sempre più attratti da una soluzione che permetta loro di consumare molto poco in città, a un prezzo d’acquisto relativamente accessibile e a queste caratteristiche rispondono le full hybrid, come la Renault Clio. Fino a ora, il mercato aveva per protagonisti pochi interpreti: Toyota, Hyundai, Honda; l’industria dell’automobile giapponese e coreana.

Renault si inserisce in un segmento competitivo, in ritardo. Inevitabile dunque che per convincere della qualità del prodotto dovesse offrire qualcosa di innovativo ma riconoscibile. La scelta è giustamente ricaduta su Clio: il modello di maggior successo del costruttore; prima auto straniera più venduta in Italia. Il risultato è una vettura piacevole da guidare e dagli ottimi consumi. Prezzo a partire da 25.400 euro.

Cambia poco a livello estetico

Rispetto ai modelli di serie, la versione ibrida (denominata e-tech hybrid) si distingue poco o nulla. La carrozzeria conferma lo stile sportivo e dinamico, personalizzabile con tinte per la carrozzeria dedicate come il blu elettrico e uno speciale bianco con profili in oro e blu che caratterizza l’allestimento in edizione limitata.

Compaiono i badge e-tech su carrozzeria e all’interno dell’abitacolo. La strumentazione è digitale su schermo da 7″ e il sistema di intrattenimento di bordo si affida a una superficie tattile a sviluppo verticale da 9,3″. Le grafiche sono accattivanti e piacevoli e la logica di funzionamento è abbastanza fluida e precisa. Tra le informazioni riportate, anche il flusso di energia, visualizzato in tempo reale del diagramma che indica il senso di circolazione e la natura energetica che alimenta il motore aspirato 1.6 litri.

Molto completa la dotazione di sicurezza di serie con parecchi sistemi di assistenza alla guida, di serie o a pagamento: la frenata automatica di emergenza e il sistema di mantenimento in corsia, entrambi di serie per tutte le versioni, assieme ai fari full led. Molto pratica l’organizzazione dello spazio interno con tasti fisici per il controllo del sistema di climatizzazione e il tasto multi sense per la selezione delle modalità di guida. Il tasto EV consente di viaggiare nella sola modalità elettrica, a patto di avere la batteria completamente carica.

Innovazione ibrida

L’architettura ibrida sviluppata da Renault si affida a un motore termico da 1.6 litri aspirato da 91 Cv e a un propulsore elettrica da da 49 Cv. La potenza di sistema raggiunge così i 140 Cv totali. Alla struttura propulsiva si aggiunge un terzo elemento: un’unità a corrente da 20 Cv che funge da motorino d’avviamento, da generatore e da sincronizzatore per l’innesto automatico delle quattro marce.

Il cambio automatico rappresenta forse la più interessante innovazione disponibile su Clio Hybrid. L’esperienza di Renault in Formula 1 ha permesso ai tecnici francesi di trasferire parte delle soluzioni disponibili sulle vetture da competizione sui nuovi modelli di serie della gamma e-tech. Il sistema messo a punto da Renault è inedito e si differenzia rispetto alle proposte della concorrenza: motore termico e motore elettrico sono collegati da una trasmissione priva di frizione e sincronizzatori. In questo modo, per la mancanza di attrito tra le parti meccaniche in movimento, si migliora l’efficienza complessiva e il livello di recupero e riutilizzo dell’energia. Il funzionamento di questa inedita tecnologia denominata multi-mode è complessivamente molto appagante e soddisfacente.

Guida vivace e piacevole

In marcia, la Renault Clio e-tech si caratterizza per un fluidità e una vivacità davvero notevoli. I 140 Cv spingono con la giusta brillantezza la vettura, senza mostrare mai incertezza o difficoltà. La presenza di un sistema ibrido, in grado di erogare istantaneamente tutta l’energia, contribuisce a ripartenze vigorose. Il cambio multi-mode lavora con fluidità e precisione: ha una logica di funzionamento ineccepibile e grazie al suo innovativo funzionamento riduce al minimo gli strappi durante gli innesti e el le scalate.

Ad alimentare il piccolo motore elettrico, una batteria da appena 1,2 kWh: completamente carica consente di viaggiare per un massimo di 5 km a zero emissioni. L’architettura ibrida è stata però sviluppata per lavorare in completa collaborazione con il motore termico. L’auto si avvia sempre in elettrico, per poi accendere il 1.6 litri una volta raggiunta la giusta temperatura. Il passaggio da un’alimentazione all’altra avviene in modo quasi impercettibile.

Condizione ideale resta l’ambiente urbana, dove Renault dichiara che Clio può viaggiare senza consumare una goccia di carburante per circa l’80% del tempo. Il periodo della prova dell’auto non è stato particolarmente adatto per valutare con attenzione il ciclo dei consumi: sono stati percorsi solo 550 km, in un misto tra strade a scorrimento veloce e ambienti urbani. Il dato registrato dal computer indica una media consumi di 4,4 l/100 km. Francamente, in qualunque condizione è difficile salire sopra i 5l/100 km di consumi registrato con Clio Hybrid. In autostrada a 130 km/h il computer registrava 5,2 l/100 km. Con un pieno di carburante si riescono a percorrere comodamente 700 km.

La logica di funzionamento del sistema ibrido è la qualità che più si apprezza durante la marcia: la gestione dei due motori avviene con delicatezza, la rumorosità all’interno dell’abitacolo è sempre contenuta e i passaggi di marcia sono inavvertibili. Convincente il comfort con sedili ben imbottiti e un ambiente interno accogliente e realizzato con materiali di buona qualità. Lo sterzo è progressivo e ha una buona taratura, agevolando manovre e migliorando ulteriormente la buona agilità. Ottima la tenuta di strada, merito anche del baricentro basso. Le sospensioni lavorano bene e assorbono egregiamente le asperità dell’asfalto. La presenza della batteria sotto il pianale ha comportato una perdita di 90 litri della capacità del bagagliaio per un totale di 301 litri, apprezzabili per un’utilitaria.

Renault con Clio E-tech propone una soluzione innovativa e di valore. La tecnologia full hybrid non appartiene propriamente ai costruttori europei, per inserirsi nel mercato era necessario sviluppare una soluzione che fosse convincente e innovativa. Il cambio multi-mode e l’eccellente fluidità di funzionamento del sistema ibrido porta Clio a essere uno dei prodotti ibridi migliori oggi disponibili sul mercato.