Software & Hardware

QualyS con Red Hat per migliorare la sicurezza di Enterprise Linux CoreOS e OpenShift

Qualys ha annunciato la collaborazione con Red Hat per promuovere una maggiore sicurezza per i container e per il sistema operativo Host per OpenShift di Red Hat. Collaborando con Red Hat, Qualys offre un approccio unico dotato di un Cloud Agent containerizzato capace di estendere la sicurezza al sistema operativo.

Il Cloud Agent di Qualys per Enterprise Linux CoreOS su OpenShift di Red Hat, combinato con la soluzione di Qualys per Container Security, consente una rilevazione continua e completa delle nuove vulnerabilità sul sistema OpenShift di Red Hat.

Sviluppata sulla Qualys Cloud Platform, la soluzione di Qualys si integra perfettamente con i workflow di gestione delle vulnerabilità dei clienti, il reporting e le metodologie necessarie a ridurre il rischio.

«La sicurezza rappresenta una delle maggiori preoccupazioni per tutte le organizzazioni. Per questo motivo crediamo fortemente che un solido ecosistema di partner aiuti ad affrontare queste problematiche, offrendo ai nostri clienti un’ampia gamma di soluzioni» ha affermato Aaron Levey, Head of Security Partner Ecosystem di Red Hat.

«La Cloud Platform e il Cloud Agent di Qualys, attraverso gli indicatori Security Advisories di Red Hat, permettono agli amministratori di raggiungere una visibilità più completa delle vulnerabilità conosciute che possono essere presenti sui loro nodi Red Hat OpenShift e Red Hat Enterprise Linux CoreOS, affidandosi all’esperienza delle due aziende nel favorire la sicurezza cloud-native».

qualys

Il Qualys Cloud Agent per Enterprise Linux CoreOS di Red Hat su OpenShift Red Hat permette ai clienti di visualizzare l’inventario completo, avere visibilità continua del software installato, delle porte aperte e dei Red Hat Security Advisories (RHSA) per tutti i nodi Red Hat Enterprise Linux CoreOS, con un completo reporting.

Qualys Cloud Agent è completamente integrato nella Qualys Cloud Platform per rilevare e gestire automaticamente lo stato dell’Host legato alle patch e al rispetto della compliance per le vulnerabilità note. Consente inoltre di ottenere una copertura completa, che si estende dal sistema operativo Host fino alle immagini e ai container in esecuzione su OpenShift.

«Dal momento che i team di sicurezza cercano di supportare applicazioni moderne costruite su tecnologie all’avanguardia come OpenShift Red Hat, è necessario proteggere sia le immagini dei container in esecuzione, sia il cluster OpenShift sottostante» ha affermato Sumedh Thakar, President e CEO di Qualys.

«Collaborando con Red Hat, abbiamo sviluppato un approccio unico per proteggere Enterprise Linux CoreOS di Red Hat che offre un controllo completo sui workload containerizzati, migliorando la capacità di Qualys di aiutare i clienti a rilevare, tracciare e proteggere continuamente i container».