Tom's Hardware Italia
Manager

Wi-Fi libero anche in Italia

Con l'approvazione in Senato si compie un ulteriore passo avanti per la liberalizzazione del Wi-Fi in Italia. Raccogliamo il commento di Ruckus Wireless.

Nel "Decreto Fare", approvato da Camera e Senato tra luglio e agosto, si legge "L'offerta di accesso alla rete Internet al pubblico tramite rete Wi-Fi non richiede l'identificazione personale degli utilizzatori".

Attendiamo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale prima di cantare vittoria, ma sembrerebbe, finalmente, che si possa aprire una nuova era per le comunicazioni senza fili.

Per molte attività commerciali e imprenditori, infatti, si aprono nuove prospettive, finora penalizzate da una normativa troppo stringente. Ma non solo, perché in generale una maggiore connettività Wi-Fi favorirà la diffusione di servizi a valore via wireless.

Testimonia, infatti, Michele Paparella, Country Manager di Ruckus Wireless: "Molto spesso ci siamo scontrati con la scarsa fattibilità di progetti Wi-Fi dovuta alle disincentivanti restrizioni normative".

Da questo punto di vista, la nuova legge equipara l'Italia agli altri Paesi europei. A questo punto si prospettano benefici per tutti i cittadini, con il Wi-Fi che potrà affermarsi come una reale commodity.

Paparella al riguardo commenta: "Questo nuovo scenario ci permetterà finalmente di rispondere in maniera concreta all'esigenza diffusa di connettività nel nostro Paese".

Condividiamo, inoltre, la convinzione, espressa presso Ruckus, che a beneficiare del Wi-Fi libero saranno le attività commerciali e retail oltre alle strutture ricettive attive nel turismo, settore estremamente importante in Italia.

Solo il turismo ci può salvare in un mercato globalizzato che ci vede penalizzati per l'alto costo del lavoro e le incertezze finanziarie e soprattutto fiscali.

Un turismo a valore che riesca a far vivere "una tourist experience" senza uguali nel mondo. Prospettive non solo per albergatori e ristoratori, ma anche per attività culturali e di spettacolo. Un enorme indotto, sul quale, però, non è il caso di divagare.

In generale, dunque, grandi prospettive su cui punta ovviamente anche Ruckus Wireless che "può contare su soluzioni estremamente affidabili e di facile implementazione per assicurare connettività a qualsiasi tipologia di attività, sia pubblica che privata, cercando di ottimizzare costi e risorse", conclude infatti Paparella.