Eventi

Astronauti si esercitano per vivere su Marte

Una camminata su Marte sul Mauna Loa. Questo è stato il nome del gioco, se così si può chiamare, per i candidati astronauti dell’habitat HI-SEAS, in cima al vulcano hawaiano. Oggi, i membri del team hanno condiviso gli ultimi aggiornamenti sulla loro missione estrema all’assemblea generale della European Geosciences Union.

HI-SEAS, o Hawaii Space Exploration Analog and Simulation, è una finta base extraterrestre operativa dal 2013. Offre a scienziati, ingegneri e membri di altri campi che viaggiano nello spazio, l’opportunità di vivere sul vulcano. Gli astronauti in addestramento abitano a 8.200 metri sulla montagna per un massimo di un anno, conducendo gli affari come farebbero su una base permanente sulla Luna o su Marte. Il loro lavoro offre informazioni su come gli esseri umani riuscirebbero effettivamente a vivere fuori dal pianeta in futuro.

Spazio

“C’è ancora così tanto che dobbiamo imparare, soprattutto da come gli esseri umani interagiscono in queste condizioni difficili, in particolare su come creare un ambiente familiare spaziale in cui tutti possano andare d’accordo e lavorare insieme”, ha detto Michaela Musilova, direttrice di HI-SEAS , in un’e-mail. “Quindi, dobbiamo anche capire come risolvere i problemi che potrebbero verificarsi nelle missioni di lunga durata, il che è qualcosa che ha molto margine di miglioramento”.

A tal fine, HI-SEAS ha recentemente condotto un esperimento in coltura idroponica per coltivare lattuga all’interno dell’habitat, uno sforzo compiuto sulla Stazione Spaziale Internazionale nel 2015 (a questo link potete acquistare il set LEGO). Quando le tempeste arrivano sulle isole, il team mette l’habitat in modalità a bassa potenza, come succede con un generatore a energia solare.

Colonizzazione di Marte

Gli astronauti analogici, come vengono chiamati, non vengono bombardati dalle radiazioni e non si occupano della microgravità, ma vestono la parte di esploratori lunari o marziani. I membri del team indossano tute spaziali ogni volta che si avventurano oltre l’angusto habitat che condividono, completo di un display head-up e scorte di ossigeno limitate. Musilova ha detto che alcune delle più grandi sfide tecniche arrivano in quei viaggi fuori dalla base, dove le tute costruite per proteggere gli astronauti nello “spazio” possono essere goffe per il lavoro geologico, vulcanologico e astrobiologico svolto dal team. Queste escursioni si svolgono sul suolo del Mauna Loa e nei tubi di lava del vulcano, canali dove un tempo scorreva la roccia fusa.

“L’ambiente di lavoro nei tubi di lava è molto impegnativo”, ha detto Musilova. “Gli astronauti analogici devono scendere in caverne con rocce appuntite tutt’intorno. A volte hanno bisogno di strisciare in alcune delle parti strette dei tubi o arrampicarsi vicino a pareti verticali. Quindi, devono eseguire ricerche, come la raccolta di campioni microbiologici sensibili o la perforazione con attrezzature speciali “.

ExoMars Trace Gas Orbiter
Marte

Insieme ad altri habitat simulati presso il Johnson Space Center della NASA e altrove, HI-SEAS fa parte dello sforzo crescente per preparare gli esseri umani a vivere su altri mondi, cosa che potrebbe essere presto. La NASA ha recentemente scelto SpaceX come compagnia per costruire il suo lander lunare Artemis. Ad un certo punto, le nostre visite dovranno diventare soggiorni se l’esplorazione spaziale umana vuole andare oltre il suo periodo di massimo splendore nel XX secolo.