Eventi

La NASA aiuterà compagnie private a costruire stazioni spaziali

La NASA ha svelato un nuovo progetto volto alla costruzione di nuove stazioni spaziali da parte di compagnie private. La scorsa settimana, la NASA ha presentato il progetto Commercial LEO Destinations e prevede di assegnare fino a 400 milioni di dollari in totale, a un massimo di quattro società, per lo sviluppo di stazioni spaziali private.

Secondo la CNBC (potete leggere l’articolo originale a questo link), il progetto intende replicare il successo dei programmi Commercial Cargo e Commercial Crew che hanno visto protagoniste tre compagnie private che hanno inviato merci e astronauti alla Stazione Spaziale Internazionalesempre per conto della NASA. Come molti di voi sapranno, SpaceX e Northrop Grumman sono progetti finanziati dalla NASA per inviare veicoli spaziali cargo sulla Stazione Spaziale Internazionale. Aprendosi alle società private, il direttore commerciale del progetto LEO della NASA, Phil McAlister, ha affermato che ciò consentirà a più persone di essere nell’orbita terrestre bassa.

Stazione Spaziale Internazionale. Crediti: ESA
ISS

Se dovesse rimanere sempre così, le nostre aspirazioni nell’orbita terrestre bassa sarebbero sempre limitate dalle dimensioni del budget della NASA”, ha detto McAlister in un briefing martedì. “Portando il settore privato in queste sezioni e in queste aree, come fornitori e utenti, si espanderebbero le possibilità e si avrebbero sicuramente più persone nell’orbita terrestre bassa, pronti a esplorarla”.

C’è anche l’età della ISS che è un fattore motivante per il programma CLD (Commercial LEO Destination), con gran parte della struttura centrale della stazione spaziale risalente agli anni Novanta dello scorso secolo. L’agenzia vorrebbe che il programma CLD offrisse nuove possibilità di vivere nello spazio nei prossimi anni, prima che la ISS venga ritirata. Separato dal programma CLD, Axiom Space ha ottenuto un contratto da 140 milioni di dollari per costruire moduli da aggiungere alla ISS che, quando la Stazione Spaziale Internazionale sarà in pensione, si staccerà e si trasformerà in una propria stazione spaziale a volo libero.

stazione spaziale 1

L’ISS è un sistema straordinario ma, sfortunatamente, non durerà per sempre“, ha detto McAlister. “Potrebbe verificarsi un’anomalia irrecuperabile in qualsiasi momento. Stiamo facendo progressi e siamo molto contenti di questo. Vorremmo anche avere concorrenza nell’area dell’offerta, motivo per cui stiamo promuovendo il progetto Commercial LEO Destination”.

Un annuncio finale per le proposte CLD sarà rilasciato dalla NASA a maggio. La prima fase di finanziamento è prevista tra ottobre e dicembre di questo anno 2021.

Vi consigliamo la maglietta con il classico logo della NASA a questo link.