Cinema e Serie TV

Bel-Air: il primo trailer del reboot

Bel-Air è il reboot di Willy, il principe di Bel-Air che è stata una delle serie comedy più apprezzate e iconiche degli anni ’90, nonché terreno di lancio della carriera di Will Smith. Il 10 settembre, in occasione del 30° anniversario della premiere, il cast si è di nuovo unito per una notte divertente e piena di musica, balli e ospiti speciali a sorpresa.

Ora, Peacock ha rivelato il primo trailer della durata di un minuto, che ci mostra una rivisitazione più dark della classica sitcom di Will Smith.

Bel-Air

Bel-Air: il trailer

Willy, il principe di Bel-Air (recuperate i DVD con tutte le stagioni su Amazon) è andato originariamente in onda come sitcom sulla NBC per sei stagioni tra il 1990 e il 1996. Sviluppato da Andy e Susan Borowitz, la serie ci presentava un Will Smith nei panni di una versione romanzata di se stesso, un adolescente di West Philadelphia mandato a vivere con i suoi ricchi zii nell’omonimo quartiere di Los Angeles dopo essere stato coinvolto in una rissa con una gang locale.

In Bel-Air, Will viaggia di nuovo da West Philadelphia alle dimore di Bel-Air. Il reboot della serie originale, che per ora avrà due stagioni, però vuole essere una “reimmaginazione drammatica” della sitcom, immergendosi più a fondo nei “conflitti intrinseci, emozioni e pregiudizi che erano impossibili da esplorare completamente in un formato sitcom di 30 minuti, pur offrendo spavalderia e cenni allo show originale”.

Bel-Air

Tutti questi elementi li possiamo vedere nel trailer, nel quale Will Smith ha il ruolo di voce narrante:

Vi ricordiamo che Will Smith, produttore esecutivo dello show, ha appena pubblicato la sua autobiografia, Will (disponibile anche per la versione audiobook), ed è attualmente protagonista del film biografico King Richard, nei cinema e su HBO Max. L’attore apparirà anche nella nuova serie Disney+ Welcome To Earth, che mostrerà le sue avventure in giro per il mondo per esplorare le più grandi meraviglie della Terra. Inoltre, sta anche girando il dramma Emancipation del regista Antoine Fuqua.