Cinema e Serie TV

Boris: tutte le stagioni arrivano su Netflix

Boris è una delle serie televisive italiane più amate di sempre e, nonostante siano passati dieci anni dall’ultima messa in onda del prodotto, i fan della serie continuano a moltiplicarsi anche grazie ai meme che l’hanno resa celebre e l’hanno inserita di diritto nella cultura pop italiana. Tutto questo è avvenuto negli ultimi anni poiché inizialmente la serie prodotta da Wilder per Fox International Channels Italy e poi per FX fu un flop tanto che Marta Bertolini di Fox Italia, in un’intervista al Wired Next Fest del 2018, accusò e allo stesso tempo ringraziò la pirateria per l’insuccesso iniziale e il successo successivo della serie:

“Boris fu vittima, o forse è stata la sua fortuna, della pirateria. Diciamocelo, Boris su Fox la guardava pochissima gente ed è diventata un cult grazie al passaparola… e alla pirateria”.

In ogni caso, dopo delle recenti e brevi apparizioni su Cielo e Rai 3, la serie è scomparsa dalla circolazione anche a causa dell’estrema difficoltà nel reperirla in DVD o Bluray. Oggi, però, ritorna finalmente sul catalogo Netflix dopo una breve scadenza della licenza e ad annunciarlo è stato proprio l’account social italiano del colosso dello streaming che, per l’occasione, ha citato una delle battute più iconiche di tutta la serie Boris:

Ricordiamo che la serie è composta da tre stagioni in totale ognuna delle quali è suddivisa in tredici episodi a cui va aggiunto un, forse meno conosciuto, film che al momento non è disponibile su Netflix. La serie ha permesso il rilancio di attori del calibro di Alessandro Tiberi, Francesco PannofinoCarlo De Ruggieri, Pietro Sermonti, Carolina Crescentini, Caterina Guzzanti, Ninni Bruschetta e Paolo Calabresi e la comparsa di tanti altri personaggi del mondo dello spettacolo italiano come Corrado GuzzantiAntonio Catania.

Boris, nata da un soggetto di Luca Manzi e Carlo Mazzotta, e scritta dagli sceneggiatori Giacomo Ciarrapico, Luca Vendruscolo e Mattia Torre, scomparso nel luglio 2019, racconta allo spettatore un mondo dello spettacolo caratterizzato da meschinità, arrivismo, nepotismo, sfruttamento dei lavoratori, giochi di potere e la fatica spropositata di una troupe che ha a che fare tutti i giorni con una produzione televisiva di basso livello. Il nome Boris deriva dal pesce rosso che il personaggio di René Ferretti (interpretato magistralmente da Pannofino) porta sul set de Gli occhi del cuore 2, il nome della suddetta fiction di basso livello al quale tutta la squadra di produzione sta lavorando assiduamente. Tutta la serie si basa sul punto di vista dello stagista Alessandro, interpretato da Alessandro Tiberi, che dovrà fare i conti con non pochi problemi all’interno della produzione.

Non avete visto il film di Boris? Ecco a voi la versione Blu-Ray in vendita su Amazon!