Libri e Fumetti

Mushoku Tensei – Jobless Reincarnation 1 di Yuka Fujikawa: la recensione

Planet Manga porta in Italia il tanto atteso manga adattamento dell’omonima serie di light novel Mushoku Tensei – Jobless Reincarnation, il cui titolo originale è Mushoku Tensei: Isekai ittara honki dasu, letteralmente: “Reincarnazione senza lavoro: Ci proverò seriamente se vado in un altro mondo” che in patria ha riscontrato un enorme successo.

Mushoku Tensei Jobless Reincarnation 1

Mushoku Tensei – Jobless Reincarnation: l’opera

Mushoku Tensei – Jobless Reincarnation nasce come una serie di light novel scritta da Rifujin na Magonote, pubblicata in Giappone sul sito di web novel Shōsetsuka ni narō dal 22 novembre 2012, mentre la versione cartacea è stata pubblicata da Media Factory sotto l’etichetta MF Books con Shirotaka, un utente di Pixiv, che ne ha realizzato le illustrazioni.

L’omonimo adattamento manga realizzato da Yuka Fujikawa, è stato serializzato a partire dal 2014 sul numero di giugno di Monthly Comic Flapper con Shirotaka che è tornato per occuparsi del character design. Il manga ha anche ispirato l’adattamento anime, a cura dello Studio Bind, presentato in anteprima in Giappone nel gennaio 2021 mentre in Italia rimane ancora inedito.

“Ho buttato via la mia vita… e più di una volta ho pregato di ricominciare tutto da capo. Ecco perché adesso ce la metterò tutta! E stavolta non avrò nessun rimpianto!”

Mushoku Tensei – Jobless Reincarnation: quando la vita ti dà una seconda possibilità

Nella sua vita precedente Rudeus è un Neet trentaquatrenne, grasso e solo, rinchiuso in casa, senza un lavoro, senza amici né una famiglia sulla quale potesse contare. In altre parole è un rifiuto della società e come tale si sente anche lui. Il suo unico desiderio è quello di potere ricominciare tutto da capo. Un giorno, quando i suoi genitori muoiono, i suoi fratelli lo buttano fuori di casa.

Rudeus inizia così a vagare senza una meta precisa, pensando a quanto si sente inutile, finché non vede tre adolescenti litigare sul ciglio della strada, inconsapevoli che un camion, il cui autista si è addormentato al volante, si sta dirigendo verso di loro. Rudeus non ci pensa due volte a gettarsi per salvargli, morendo così al loro posto. Peccato che quando apre gli occhi si ritrova reincarnato nel corpo di un neonato, in un altro mondo, e per di più possiede tutte le memorie della sua vita precedente!

Il mondo in cui si trova ora è fatto di spada e di magia, e i suoi genitori sono degli ex avventurieri. Il padre vorrebbe che il figlio diventasse uno spadaccino mentre la madre un mago.

Mushoku Tensei - Jobless Reincarnation

Avendo con sé tutti i suoi ricordi e non volendo assolutamente che questa sua nuova vita somigli a quella passata, Rudy, il cui vero nome ora è Rudeus Greyrat, inizia ad allenarsi seriamente nell’uso della magia, scoprendo di esserne portato. A tre anni i suoi genitori chiamano una maga per fargli da insegnante e così Rudy diventa lo studente di Roxy Migurdia, membro della stirpe dei demoni. Rudy non solo impererà la magia, ma verrà a conoscenza di tutte le storie di questo suo nuovo mondo e incontrerà nuovi amici, tra cui Sylphy, diminutivo di Sylphiette che è un misto di razza umana, elfica e bestiale.

Tutto sembra procedere per il meglio, ma Rudy non deve confrontarsi solo con il nuovo mondo in cui ora vive, ma anche con le paure e i rimpianti che si porta dietro dalla sua vita passata. Riuscirà a non sprecare la seconda possibilità che gli è stata concessa?

Mushoku Tensei – Jobless Reincarnation: non il solito isekai

Mushoku Tensei – Jobless Reincarnation è un isekai dalle premesse classiche ma che si discosta fin da subito dalla solita trama caratterizzante questo genere.

Gli elementi classici sono il protagonista, un nerd solitario che non ha nessuna ragione per vivere, che decide di morire da eroe salvando la vita a tre ragazzi. Naturalmente il protagonista, Rudy, finisce reincarnato in un altro mondo fantasy, traboccante di magia e popolato dalla razza umani, elfica e demoniaca. E fin qui tutto normale.

Mushoku Tensei - Jobless Reincarnation

Ma è arrivati a questo punto che la storia presenza degli elementi innovativi. Innanzitutto, il protagonista si reincarna in un neonato, quindi gli è permesso di ricominciare letteralmente da zero questa sua nuova esistenza. Inoltre possiede tutti i ricordi della sua vita passata, il che lo aiuterà a non ricommettere gli stessi errori e quelle scelte sbagliate che non avevano fatto altro che portagli guai, allontanandolo da tutti e diventando un rifiuto della società senza alcun obiettivo né speranza di cambiamento.

E c’è un’altra cosa che discosta Mushoku Tensei – Jobless Reincarnation dagli altri isekai. Rudy non è stato chiamato nel nuovo mondo per sconfiggere un cattivo, nella maggior parte dei casi il Re Demone, bensì, il “nemico” con cui deve confrontarsi è se stesso per poter finalmente diventare una persona migliore e quell’adulto realizzato e stimato che non è stato nella sua vita precedente.

Man mano che leggiamo il manga veniamo a conoscenza di quello che è successo a Rudy prima che fosse reincarnato, della sua sofferenza, del fatto che ha rinunciato a vivere dopo essere stato rifiutato persino dai suoi stessi famigliari, chiudendosi in casa, compatendosi e pensando a tutto ciò che poteva cambiare ma che ha rinunciato a fare, credendo che non ci fosse altra alternativa.

Mushoku Tensei - Jobless Reincarnation

L’unica cosa che ora Rudy vuole è migliorarsi per non ritrovarsi più a dovere rivivere quel senso di impotenza, quella sensazione miserabile di non essere nessuno, soprattutto non dopo avere conosciuto l’amore di una famiglia calorosa e l’amicizia. Rudy ora vive cercando di essere l’opposto di quello che era, istaurando rapporti con le persone, risolvendo le situazioni complesse e i problemi che si presentano, senza lasciare che le cose facciano il loro corso come aveva fatto in precedenza, ma impegnandosi per risolverle, aiutando anche i deboli come Sylphy e coloro che hanno bisogno di una mano, tanto che sarà lui a insegare qualcosa al suo nuovo padre.

Possiamo dire che l’obiettivo che Rudy sta cercando di raggiungere è uno solo: non sprecare questa sua nuova vita ma trarne il massimo profitto, per migliorare se stesso.

Mushoku Tensei – Jobless Reincarnation si presenta quindi come un fantasy ironico e avvincente, al quale non mancano alcuni elementi erotici: in fondo Rudy sarà anche un bambino, ma il suo cervello rimane quello di un adulto trentaquattrenne e decisamente perverso e, visto che nella sua vita precedente non era riuscito a trovare una ragazza, è logico pensare che tra le sue priorità ci sia anche questa.

Mushoku Tensei - Jobless Reincarnation

Non manca nemmeno l’atmosfera harem: Rudy è letteralmente circondato da personaggi del sesso opposto, dalla cameriera dei genitori alle sue prossime sorelline, senza contare che la stessa Sylphy si rivela essere una lei, nonostante Rudy pensasse il contrario.

Mushoku Tensei – Jobless Reincarnation rimane un bell’isekai, con disegni curati e una trama ricca, anche se Rudy qualche volta dovrebbe ricordarsi che tecnicamente è un bambino, e che ci vorrà ancora un po’ di tempo prima che raggiunga l’età legale per preoccuparsi dell’altro sesso.

Mushoku Tensei – Jobless Reincarnation 1


Mushoku Tensei Jobless Reincarnation è una storia comica, talvolta irreverente ma che affronta anche temi complessi e seri, come la crescita personale di un individuo che cerca di sfruttare al massimo la sua seconda vita, realizzandosi e ritrovando fiducia in se stesso. Il manga, benché presenti molti elementi classici del genere, riesce a non cadere nei soliti cliché. I disegni sono ben curati e così lo sviluppo dei personaggi.

Pro

  • Perfetto per chi ama il Fantasy
  • Non il classico Isekai

Contro

  • Ci sono un po' troppi elementi erotici che stonano con l'età del protagonista e che potrebbero disturbare il lettore