Eventi

Play Festival del Gioco: primi dettagli sul programma

Torniamo a parlarvi di Play Festival del Gioco con alcuni aggiornamenti sugli eventi in programma a poco meno di un mese dall’inizio dell’importante festival del gioco. Dal 3 al 5 settembre sarà possibile trovare alcuni tra i personaggi di culto del gaming e tantissimi appuntamenti ed eventi.

Nel giro di un mese Play tornerà quindi con un ricchissimo programma, confezionato con l’obiettivo di offrire ai visitatori quante più esperienze possibili. In questo modo i visitatori potranno decidere cosa li attira di più e condividere questi momenti con nuovi e vecchi amici.
In aggiunta alle novità in programma per questa edizione, soprannominata quella della “Rivincita” la formula dell’evento rimarrà fedele al format che lo ha reso celebre. Come nelle precedenti undici edizioni a Play ci sarà spazio per accontentare gli appassionati di ogni tipo, con la presenza di tante nuove uscite sul mercato, di aziende italiane e non solo leader del settore, di moltissimi eventi e dimostrazioni adatte anche ai neofiti.

Play Festival del Gioco programma

Play si svolgerà nel pieno rispetto di tutte le normative per il contrasto del Covid- 19, tra le quali l’obbligo di presentare il Green Pass per tutti coloro che prenderanno parte all’evento. Il programma della manifestazione, al momento in fase di definizione, e tutte le informazioni per prenotare i posti disponibili per partecipare alla kermesse sono disponibili sul sito ufficiale dell’evento.

Il 2021 l’anno della Rivincita

Per l’edizione 2021 gli organizzatori hanno scelto un filone storico di riferimento collegandolo alle vicende di personaggi di cui ricorrono importanti anniversari e che, malgrado il loro percorso sia stato segnato da pesanti sconfitte (da qui il collegamento con la “Rivincita”) hanno lasciato un segno indelebile nella cultura e nella storia.
Tre esempi su tutti: Dante Alighieri, morto 700 anni fa in esilio, con il gioco “The age of Dante: Montaperti e Campaldino”, Martin Lutero, con “Here I stand” che permette di rivivere l’epoca della Controriforma e Napoleone Bonaparte le cui gesta rivivono ancora una volta grazie ai titoli di Commands & Colors – Napoleonics, “Napoleon’s glory” (un 3D storico dedicato agli ultimi cento giorni prima della caduta a Waterloo) e “1812 – The Invasion of Russia”.

Play Festival del Gioco programma

Il gioco però, lo sappiamo bene, può essere un’attività serissima anche quando viene affrontata con leggerezza. Con questa premessa quindi Play presenta il convegno dal titolo “La Storia in gioco”, che coinvolgerà nomi di rilievo quali Marcello Ravveduto, docente di Digital Public History presso le Università di Salerno e Modena e Reggio Emilia, il direttore della Domus Mazziniana Pietro Finelli, membro del Comitato Scientifico dell’Istituto Storico della Resistenza di Lucca, e Renzo Repetti, professore di Storia Moderna presso l’Università di Genova, che condurrà il dibattito. Assieme a loro tanti creatori di giochi da tavolo e urban games che illustreranno le loro idee. Di tutto ciò si parlerà venerdì 3 settembre alle 10 nella Sala 100 di ModenaFiere.

Play: ospiti ed eventi in programma

Tra gli eventi in programma già confermati si terrà “Sopravvivi al Dungeon” un format che debutterà in Italia proprio in occasione della fiera, in cui i giocatori dovranno confrontarsi con una grande corsa contro il tempo, in cui bisognerà uscire vivi da un labirinto denso di insidie, trappole, enigmi e soprattutto mostri. In palio non solo la gloria, ma anche premi e trofei per i più abili e coraggiosi in grado di trionfare.

Play Festival del Gioco programma

Molti gli ospiti che saranno presenti e che stanno confermando la loro partecipazione. Play Festival del Gioco vedrà la partecipazione di Cole Wehrle l’acclamato autore del gioco da tavolo “Root”, Christian “Zoltar” Bellomo di Sage Advice, Tommaso Battista e Simone Luciani autori di “Barrage” (link Amazon) e Andrea Lucca, una delle figure di spicco del gioco organizzato in Italia.