Cinema e Serie TV

Suicide Squad, David Ayer a ruota libera sulla sua” versione

Il prossimo The Suicide Squad – Missione Suicida, il nuovo film dedicato ai celebri antieroi dell’universo DC in uscita nelle sale italiane dal 2 aprile in anteprima, sembra aver convinto critica e pubblico d’oltreoceano grazie al suo mix di azione e comicità sregolata. Il film è ad ogni modo completamente slegato dagli eventi visti nel precedente Suicide Squad, uscito nel 2016 e diretto da David Ayer (qui a prezzo speciale). Ora, è proprio il regista del primo film dedicato alla Task Force X a parlare nuovamente del suo infausto progetto, il quale sarebbe stato letteralmente “squartato” dai piani alti di Warner Bros. prima dell’uscita nei cinema di tutto il mondo.

Suicide Squad

Ayer è tornato a parlare della “sua” versione di Suicide Squad, scrivendo una lettera aperta sui social in cui porta nuovamente alla luce tutta la sua amarezza per un film che è stato portato nelle sale in una forma totalmente diversa da com’era stata inizialmente concepita. Dopo aver spiegato di aver vissuto una fase giovanile di profondo disagio e problematiche sociali, alternando i lavori più umili (come l’imbianchino o l’elettricista), il regista ha dichiarato di aver messo tutta la sua vita in Suicide Squad, realizzando qualcosa di incredibile, un viaggio complesso ed emozionante con delle persone trattate come rifiuti della società, un tema a lui caro. David Ayer ha rimarcato che la versione del film uscita al cinema non è la sua versione, così come quest’ultima non è un semplice rimontaggio, bensì quasi un altro film realizzato con la collaborazione di Lee Smith e John Gilroy, il tutto aiutato dalla colonna sonora di Steven Price priva di un qualsiasi singolo musicale).

Il cineasta ha poi spiegato che il Suicide Squad mai nato ha degli archi evolutivi tradizionali per i personaggi, oltre a interpretazioni degli attori incredibili e una trama maggiormente coerente e compatta, specie nel terzo atto. Ayer afferma che il film esiste, ma solo una manciata di persone ha avuto il piacere e l’onore di vederlo. In chiusura, il regista afferma di sostenere comunque Warner Bros., incluso il fatto che il lavoro svolto da James Gunn sarà “miracoloso“, in grado di portare il franchise verso nuove direzioni. La speranza, però, è che qualcuno ascolti il suo lungo sfogo, lasciando magari uno spiraglio circa un eventuale rilascio di una David Ayer’s Suicide Squad.

The Suicide Squad – Missione Suicida vede nel cast John CenaMargot Robbie, Jai Courtney, Joel Kinnaman e Sean Gunn, oltre a Nathan Fillion, Taika Waititi, Viola Davis, Michael Rooker, Idris Elba, Daniela Melchior e Sylvester Stallone. Il film è atteso anche sul catalogo HBO Max, diversi giorni dopo l’uscita nelle sale americane.