Cinema e Serie TV

Tutti i segreti dei Simpson nelle parole dell’ex-sceneggiatore

Dopo aver rivelato in che modo gli sceneggiatori dei Simpson pensano a Homer quando devono scrivere i suoi dialoghi, l’ex membro dello staff John Swartzwelder ha deciso di rivelare tutti i segreti più reconditi della celeberrima sitcom, che non si limitano solo al “Sesso, droga Milhouse” menzionato in una vecchia puntata.

Dopo un silenzio durato 30 anni, l’ex sceneggiatore ha concesso una lunga ed esaustiva intervista a The New Yorker, in cui ha rivelato alcuni incredibili segreti sulla storia dei Simpson.

L’ex sceneggiatore dei Simpson John Swartzwelder non è infatti come Johnny Boccastretta, e ha spifferato un po’ di segreti su dietro le quinte della serie sulla famiglia più gialla d’America.

Il processo creativo dietro i Simpson

Swartzwelder ha rivelato che per via di un accordo fra il produttore esecutivo Jim Brooks e Fox, gli sceneggiatori avevano il controllo creativo sulla serie. Lo sceneggiatore preferiva scrivere una sceneggiatura “scadente“, prima di aggiungere le battute nella seconda bozza. Sebbene il 75% della sceneggiatura di un autore venisse in genere riscritto dal team, Swartzwelder ha ammesso che la sua percentuale era probabilmente inferiore al 75% perché ha sempre “reagito con grande sgomento, rabbia e persino orrore” quando le sue battute venivano tagliate.

Oltre a parlare del processo di scrittura dei Simpson, Swartzwelder ha confermato e smentito diverse voci che circolano da anni.  Una voce che Swartzwelder ha confutato riguarda proprio lui: girava voce che avesse iniziato a lavorare da casa dopo la stagione 4 dei Simpson in modo da poter fumare, ma in realtà semplicemente non voleva andare al lavoro ogni giorno. Forse anche lui, come Homer, aveva un valido sostituto sul posto di lavoro:

Mattone sostituto di Homer Simpson

Grattachecca e Fichetto (Itchy and Scratchy in lingua originale) compaiono spesso negli episodi diretti da Swartzwelder, il che ha portato molte persone a credere che abbia creato lui i due personaggi. Swartzwelder ha smentito però questa voce, affermando che semplicemente trovava molto divertente lavorare su di loro.

Mouse M.D.

Il dettaglio principale che emerge durante il corso per tutta l’intervista è l’umiltà dello scrittore. Il grande pubblico conosce molto poco di Swartzwelder a causa del suo stile di vita privato, ma ha coniato il termine “Swartzweldiano” per descrivere la sua produzione e il suo senso dell’umorismo. Swartzwelder ha inoltre aggiunto che è orgoglioso dell’eredità dei Simpson:

Mi piace pensare che I Simpson abbiano contribuito a creare una generazione di ragazzi saggi, che vivono in un mondo in cui tutti hanno in mente qualcosa. Se questo è tutto ciò che abbiamo ottenuto, a parte i miliardi di dollari che abbiamo guadagnato, sono soddisfatto“.

Se siete alla ricerca di gadget dei Simpson come un bel ciucciacalzini, fate un salto su questa pagina di Amazon.