Libri e Fumetti

Twilight: la saga YA più famosa di sempre

Twilight è il primo capitolo della saga di Stephenie Meyer che attualmente conta quattro libri (e uno spin-off) e cinque film, l’ultimo dei quali diviso in due parti. Stephenie Meyer, la fortunata autrice, è una delle scrittrici più seguite del mondo e i film tratti dalle sue opere hanno lanciato nel mondo del cinema un giovane Robert Pattinson e una decisamente ancora acerba Kristen Stewart.

Twilight

Nel lontano 2015 usciva in America un libro destinato a fare la storia (nel bene e nel male) della deriva Urban Fantasy della letteratura Young Adult. Ma perché ne parliamo oggi? Dopo la recente uscita di Midnight Sun, che chiude definitivamente il cerchio, ci sembrava d’obbligo rendere a questa saga la giustizia che merita nell’olimpo di questo genere, di cui ultimamente abbiamo parlato in diverse occasioni.

La trama

Isabella Swan, che preferisce essere chiamata Bella, è la figlia dello sceriffo Swan. Quando si trasferisce a Forks, un triste paesino nella penisola di Washington, il suo arrivo anima il liceo locale, che come si può immaginare, non vedeva un volto nuovo da decenni. Oltre ad attirare l’attenzione di tutta la scuola, incredibilmente Bella attira anche l’attenzione di una famiglia molto particolare: i Cullen.

Twilight

Il bellissimo Edward Cullen, infatti, sembra incredibilmente attratto da lei, e questo pare essere un motivo di grande preoccupazione per il giovane. Il problema, infatti, è che lui, al pari del resto della sua famiglia, è un Vampiro, un essere immortale che ha scelto di vivere tra gli Umani senza mai berne il sangue. Bella ricambia quest’attrazione, sebbene un ‘terzo incomodo’ si metta da subito tra i due, ed è qui che nasce il triangolo amoroso più famoso dell’ultimo decennio.

Jacob Black è un nativo Americano che vive nella vicina Riserva Quileute. Inizialmente racconta a Bella una leggenda per metterla in guardia sui pericoli rappresentati da questi esseri immortali che si sarebbero sempre aggirati in quei territori, e i due diventano amici. Successivamente, nello specifico nel secondo capitolo, Jacob si rivela per ciò che è: un membro della locale tribù di Licantropi (in realtà dei mutaforma umano/lupo) che vegliano sulla comunità di Forks, assicurandosi che i Vampiri non abbiano occasione di fare stragi.

I Libri

Le avventure di Bella, Edward e Jacob si susseguono per quattro libri. Dopo Twilight, in rapida successione sono usciti New Moon (2006), Eclipse (2007) e Breaking Dawn (2008), portati in Italia dalla Casa Editrice Fazi.
Gli approfondimenti sulla famiglia Cullen così come sulla tribù di Jacob aprono un quadro abbastanza ampio da arrivare in Italia, dipingendo la società immortale dei Vampiri in modo molto simile a come siamo abituati a conoscerla dal Mondo di Tenebra in poi. La trama fondamentale è l’amore tra Bella ed Edward e il rapporto impossibile tra un fragile essere umano e un Vampiro.

Twilight

La breve seconda vita di Bree Tanner è a tutti gli effetti un racconto spin-off uscito in un volume dedicato nel 2010, sempre per la Fazi, che racconta appunto la vita della sedicenne Bree Tanner dopo la trasformazione in vampiro. Nel mondo di Twilight, prima di prendere coscienza i vampiri sono detti Neonati a causa del loro scarso autocontrollo. Bree sarà una figura chiave della trama di Eclipse, e questo racconto è stato usato come approfondimento per Jodelle Ferland, l’attrice che ne ha interpretato la parte nel film dello stesso anno.

Midnight Sun

Dopo una lunghissima attesa, il 24 Settembre 2020 è uscito anche in Italia Midnight Sun. L’idea di questo romanzo nasce nel 2008, e racconta Twilight dal punto di vista di Edward. Dopo pochi mesi dall’annuncio di Stephenie Meyer i primi dodici capitoli arrivarono in rete, spingendo l’autrice ad abbandonare il progetto, soprattutto vista la successiva pubblicazione di Gray, che prevedeva lo stesso esperimento su Cinquanta Sfumature di Grigio.

Twilight

La Meyer riprende il progetto dopo la pubblicazione di Life and Death: Twilight Reimagined (Fazi, 2016), un altro esperimento su Twilight che prevedeva un gender-swap tra i protagonisti. Bella diventa Beau Swan, Edward diventa Edith Cullen, e così tutti gli altri personaggi trovano una nuova identità. Portare a termine questo progetto dà all’autrice il coraggio di riprendere in mano i dodici capitoli di Midnight Sun, che viene accolto con il calore che ci si aspettava dallo stesso pubblico che lo attendeva da dodici anni.

I film

Nel 2008, quando Entertainment Weekly pubblicò una foto di Robert Pattinson e Kristen Stewart nei panni di Edward e Bella nel film tratto da Twilight, il pubblico dei fan scatenò una tempesta mediatica criticando i due attori scelti, il loro trucco e la resa generale. Gli incassi, tuttavia, furono sufficienti a soffocare le critiche e a portare avanti la saga per altri quattro film. Vista la mole di Breaking Dawn, infatti, l’ultimo film venne diviso in due parti, un po’ com’è stato per Harry Potter e i Doni della MorteL’intera saga è arrivata al cinema tra il 2008 e il 2012, portando in sala intere famiglie.

Twilight

Twilight portò al cinema anche chi non era appassionato di quello che a tutti gli effetti è un Urban Fantasy grazie alla storia d’amore e all’impronta thriller delle pellicole, e la passione per i film arrivò al punto di creare per l’ultimo capitolo gadget e merchandise che arrivava all’invito al matrimonio di Edward e Bella (se ve lo siete perso potete recuperarlo a questo link). Alla fine dei conti, i film sono stati un grosso affare e hanno permesso a questa saga di arrivare a un pubblico molto più ampio rispetto ai fan dei libri.

Vampiri che brillano

L’accoglienza di Twilight è stata un fenomeno inspiegabile. La leggenda dei vampiri ‘vegetariani‘ (che si nutrono solo di animali, in realtà) che brillano al sole, infatti, rimarrà uno smacco alla faccia di questi mostri dal volto umano che da sempre ispirano l’immaginario horror. Nonostante questo i suoi protagonisti sono rimasti nella storia: il libro ha venduto una quantità imbarazzante di copie e i film hanno staccato più biglietti di quanto ci si aspettasse in tutto il mondo.

Twilight

Il perché è difficile da spiegare. Le statistiche dimostrano che non sono state solo le ragazzine ad appassionarsi alla saga. Come da tradizione per la letteratura Young Adult, anche moltissimi adulti hanno dimostrato di essere affezionati a Bella, Edward e Jacob, che con le loro debolezze dimostrano più umanità di molti altri ‘mostri’ e proprio per questo sono vicini alle nuove generazioni. L’accettazione della diversità sembra essere un punto fondamentale di questa fase: anche i mostri possono amare ed essere amati. Se Buffy non era stata sufficientemente chiara su questo punto, Twilight lo rende chiarissimo.

Una riflessione

Il problema, volendo cercare il pelo nell’uovo, è che queste favole moderne contengano il rischio di essere troppo rassicuranti. L’idea che il ‘mostro’ sia più vicino di quanto si possa immaginare e che l’aspetto di essere umano corrisponda a una profondità simile alla propria rischia di distaccarsi da una verità che oggi si fatica ad accettare: quella che alcuni mostri rimarranno tali nonostante tutto. La favola che si racconta oggi è che un amore tormentato, vale comunque la pena di essere vissuto, che una persona pericolosa possa essere comunque un partner apprezzabile, anche se l’esperienza insegna altrimenti.

Twilight

La qualità spaventosa dei ‘vecchi’ Vampiri era la loro capacità di ingannare. Oggi, usciti dall’inganno, quello che fa più paura è l’accettazione del rischio da parte della Bella di turno, che aspira ad essere resa immortale al costo della futura perdita dei propri affetti, e il suo costante mettersi in pericolo che sfiora l’autolesionismo. Oggi si tende a giustificare i mostri, a voler vedere il bene che c’è nei loro cuoricini neri. E forse, in questo modo, si abbassano un po’ le difese rispetto ai mostri di ogni giorno.

Conclusioni

In ogni caso, l’incredibile successo di Twilight è innegabile, e questo dipende sicuramente dai valori di accettazione e di civiltà che contiene, insieme alle buone intenzioni di tutti i protagonisti. Nella saga la famiglia ha un valore assoluto, è l’unità minima di tutta la storia. I protagonisti sono bravi ragazzi (anche se ultracentenari), che mettono sempre il bene dei loro cari davanti al proprio. Questo fa dei buoni semplicemente i buoni, senza quelle zone d’ombra a cui la narrativa moderna ci ha abituati, senza antieroi o incertezze.

Twilight

L’unica critica che si può muovere a Twilight in assoluto è la sua protagonista. Bella è una ragazza normale: intelligente, colta e priva della benché minima dose di buonsenso. Bella è il fallimento di tutte le eroine moderne, uno schiaffo in faccia alla parità di genere. Sebbene vi siano personaggi femminili forti nella saga (prima tra tutte Alice) Bella riesce ad essere completamente inutile dalla prima all’ultima pagina, e il lettore trova sollievo solo quando finalmente qualcuno le fa notare il suo essere incredibilmente stupida.

Se volete rivivere le emozioni dei film potete acquistare il cofanetto Blu-Ray a questo link Amazon.