Hardware

AMD Ryzen 9 4900U e Ryzen 7 Extreme Edition: Ryzen 7 4800U rivisto o esclusiva OEM?

Un’altra novità nel panorama AMD Ryzen 4000 Renoir, le ultime APU in arrivo nell’imminente estate. Sono stati scoperti in rete altri due processori AMD e ancora una volta il merito è dell’ormai noto leaker TUM_APISAK, che ha scovato sui database di 3DMARK i due Ryzen 9 4900U e Ryzen 7 Extreme Edition, inedite CPU dai nomi e dalle caratteristiche interessanti. Ad alcuni di voi risulterà strana l’aggiunta “Extreme Edition” a un processore AMD, visto che per la cronaca è usanza della concorrente Intel usare questa denominazione per i suoi processori desktop nella loro massima espressione.

Destinate a dispositivi portatili, entrambe le unità sembrano essere dotate di 8 core e 16 thread, con una frequenza base di 1,8GHz, una frequenza Turbo di 4,3GHz, 8 unità grafiche e un ipotetico TDP di 15W. Quest’ultima è una considerazione pressoché unanime della community, data la bassa frequenza di base. E soprattutto date le analogie con il modello di punta della serie U, il Ryzen 7 4800U, che vanta stesso numero di core/thread, stessa capacità grafica con 8 unità di elaborazione, ma con una frequenza massima di Boost poco inferiore, circa 4,2GHz, per appunto un TDP di appena 15W.

Il fatto curioso è che entrambe le CPU hanno medesime caratteristiche, stesse frequenze e stessi numeri di core/thread. Potrebbero trattarsi di due configurazioni del Ryzen 7 4800U specificatamente studiate per particolari scenari d’utilizzo. Ricordiamo infatti che le serie Renoir U e H hanno un TDP dichiarato di riferimento di 15W i primi e 45W i secondi, che però può essere configurato ad hoc per difetto e per eccesso in base al sistema in cui vanno installati. È lecito quindi parlare di TDP di 10-25W per i modelli U e 35-45W per quelli H più prestanti, che può salire fino a 54W grazie alla tecnologia AMD SmartShift.

I Ryzen 9 4900U e il Ryzen 7 Extreme Edition potrebbero essere quindi solo le varianti a 25W del Ryzen 4800H, a disposizione del settore OEM, distinte più per motivazioni commerciali di marketing, magari dello stesso produttore di computer. Di questa logica è quindi la considerazione che potrebbero trattarsi di APU destinate a prossimi dispositivi Surface di Microsoft. D’altronde AMD ha già realizzato APU dedicate in esclusiva a Microsoft, personalizzandole in modo da offrire più potenza della relativa controparte consumer. Con i Ryzen Renoir appena scovati questo plus valore sarebbe da ricercarsi nella maggior frequenza massima di Boost, che passa da 4,2 a 4,3GHz.

Siamo però sempre nel campo delle ipotesi. Dovremo aspettare la commercializzazione di portatili ed ultrabook con a bordo queste APU per potere avere piena consapevolezza dell’intera gamma Renoir, soprattutto la serie U che rappresenta un connubio perfetto tra prestazioni e consumi.

Archiviazione esterna iperveloce da 10Gb/s con interfaccia USB 3.2 Type-C e memoria SSD PCIe? Unisci questo box CSL in alluminio con questo SSD M.2 Sabrent Rocket Q da 1TB. Mai più come prima!