Schede Grafiche

GPU Nvidia del 2020 prodotte da Samsung con processo a 7 nanometri EUV?

Secondo un nuovo report di un sito giapponese, Nvidia potrebbe realizzare le GPU del 2020 avvalendosi del processo produttivo a 7 nanometri EUV di Samsung. Il mese scorso IBM ha annunciato che intende usarlo per la produzione dei processori Power. L’azienda sudcoreana ha annunciato di aver avviato una prima fase di produzione, detta risk production, lo scorso ottobre. Un traguardo raggiunto in anticipo sui tempi, dato che in precedenza si pensava sarebbe partita nei primi mesi del 2019.

Attualmente Nvidia usa il processo produttivo a 12 nanometri di TSMC per le sue ultime GPU, ma ha solidi rapporti con Samsung, da cui ottiene memorie grafiche per le schede video e chip come il GP107 a bordo delle GTX 1050 (14 nanometri).

Un precedente report del Digitimes vociferava che Nvidia si sarebbe avvalsa del processo a 7 nanometri “non EUV” di TSMC nel 2019. Una voce non esclude necessariamente l’altra dato che Nvidia ha una corposa gamma di soluzioni che vanno dalla fascia bassa a quella alta e spaziano dal settore HPC al gaming.

Allo stesso tempo però l’uso di due processi produttivi differenti in così poco tempo potrebbe comportare un dispendio di forze e denaro inutilmente elevato. Nvidia, tutto sommato, potrebbe continuare ad avvalersi del processo produttivo a 12 nanometri nel 2019, anche se AMD è in predicato di usare i 7 nanometri di TSMC per le schede video basate su architettura Navi.

Stando alle recenti indiscrezioni, le schede grafiche Navi non dovrebbero insidiare le proposte di Nvidia nella fascia alta del mercato, quindi a meno che AMD non sforni qualcosa che metta in seria difficoltà i chip a 12 nanometri di Nvidia in altri segmenti di mercato, la casa di Santa Clara sembra avere un vantaggio tale da potersi permettere di pianificare la propria roadmap senza eccessiva fretta.