GRAVITON2

Graviton2, la nuova CPU di Amazon con 30 miliardi di transistor

La divisione AWS (Amazon Web Services) del colosso dell’ecommerce ha svelato nel corso dell’evento re:Invent 2019 un nuovo processore basato sull’architettura Neoverse N1 di ARM (conosciuta anche come Ares), il Graviton2.

Installato nei server dell’azienda per la gestione delle istanze M6g (sesta generazione delle istanze EC2), conta su quattro volte il numero di core del precedente Graviton1, per un totale di 64 (connessi da un’architettura mesh da 2 TB/s)e ben 30 miliardi di transistor.

Oltre alla quantità di core, il chip è dotato di 1 MB di cache L2 per core, con 8 canali DDR4-3200 con supporto fino a 512 GB di RAM, e 64 linee PCIe 4.0, oltre al supporto alla crittografia AES256.

Alcuni benchmark proposti dalla società hanno mostrato come il nuovo SoC riesca ad ottenere prestazioni fino a 7 volte superiori rispetto al suo predecessore nelle istanze A1, e prestazioni per core fino a 2 volte superiori, unite ad un accesso alla memoria 5 volte più rapido rispetto a Graviton1.

Ciò che sicuramente rende il progetto interessante, è la fiducia che Amazon ripone nella nuova architettura di ARM. Neoverse N1 infatti è stato pensato per concorrere direttamente con il maggior fornitore dei chip server attuale, Intel.

AWS ha infatti fornito qualche numero interessante di confronto con le istanze M5 basate su chip Intel. Secondo Amazon le istanze garantiscono un costo il 20% più basso e prestazioni fino al 40% più alte. Più nello specifico, l’azienda ha fornito questo numeri:

  • SPECjvm 2008: +43% (stimato)
  • SPEC CPU 2017 integer: +44% (stimato)
  • SPEC CPU 2017 floating point: +24% (stimato)
  • Bilanciamento del carico HTTPS con Nginx: +24%
  • Memcached: prestazioni +43% con una minore latenza
  • Codifica video X.264: +26%
  • Simulazione EDA con Cadence Xcellium: +54%

Di primo acchito, sembrerebbero affermazioni di una certa importanza: Graviton2 ha si un maggior numero di core che prestazioni più alte per core virtuale. Bisogna tuttavia notare che le CPU Intel hanno l’Hyper-Threading, che porta ad avere due CPU virtuali per core. Questo significa che i test mostrati da AWS usano solo un thread dei due disponibili per core sulle CPU Intel.

Graviton2 sarà il cuore pulsante dell’istanza EC2 “general purpose” M6g, di quella C6g ottimizzata per il calcolo e la R6g dedicata alla memoria, con fino a 512 GiB di memoria e 25 Gbps di bandwidth di rete. Le istanze sono disponibili da subito per carichi di non produzione, mentre la disponibilità generale e altre istanze arriveranno nel 2020.