CPU

Il nuovo Apple iMac da 21.5″ costa meno: 1129 euro

Apple ha annunciato la disponibilità del nuovo iMac entry level da 21,5", con prezzi a partire da 1129 euro. L'Apple Store stamane era inaccessibile quindi tutti avevano capito che qualcosa bolliva in pentola, ed eccolo, con processore Core i5 dual core a 1.4 GHz, grafica Intel HD 5000, 8 GB di memoria RAM e un disco fisso da 500 GB.

La connettività è identica al predecessore, così come tutto il rivestimento esterno. Sono inclusi Wi-Fi 802.11ac, due porte Thunderbolt e quattro connettori USB 3.0. Il software installato comprende come da copione Mac OS X aggiornabile a Yosemite in autunno, e le suite iLife e iWork, che sono di serie su tutti i nuovi Mac.

Apple rinnova l'iMac di fascia bassa

Il taglio di prezzo rispetto al predecessore (200 euro circa) è dovuto all'installazione di componenti meno potenti: il predecessore di fascia entry aveva una CPU da 2.7 GHz, un disco fisso più capiente e grafica IRIS Pro di fascia più alta. Insomma Apple ha fatto una scelta di compromesso per cercare di attirare gli utenti che hanno meno soldi da spendere e che fino a ieri erano tagliati fuori: un'esigenza che gli analisti segnalavano da tempo.

Come sempre non mancano le opzioni di personalizzazione, che in questo caso interessano solo i dischi fissi. Per passare da 500 GB a 1 TB c'è un sovrapprezzo di 50 euro, mentre per Fusion Drive o l'unità di archiviazione SSD da 256 GB ci vogliono 250 euro in più.

Per un processore più veloce o la grafica dedicata dovete continuare a fare riferimento al resto della gamma, che è invariata e si basa su processori sempre della famiglia Core i5, ma quad-core con frequenze comprese fra 2.7 e 3.4 GHz. Inoltre, a partire dal modello da 21,5 pollici con Core i5 a 2.9 GHz sono previsti chip grafici Nvidia.