CPU

Intel accusata di aver violato il brevetto FinFet

FinFET è stato un elemento tecnologico fondamentale per i processori Intel dal 2011, fungendo da ingrediente chiave in quasi tutti i processori venduti. Tuttavia, Intel è stata coinvolta in una causa per violazione di brevetto in Cina nel 2018 con un laboratorio di ricerca e sviluppo finanziato dal governo cinese, il quale afferma che la società ha violato il suo brevetto FinFET. Intel ha risposto contestando la validità del brevetto, ma recentemente ha perso la sua sesta sfida con il China Patent Reexamination Board, segnando un’altra battuta d’arresto per evitare il divieto di vendita della sua famiglia “Core” di processori in Cina.

Credit: Intel
Intel Alder Lake

L’Institute of Microelectronics of the Chinese Academy of Sciences (IMECAS) ha intentato una causa contro il gigante di Santa Clara presso l’Alta Corte di Pechino nel 2018, chiedendo 200 milioni di yuan (circa 31 milioni di dollari) di danni più il costo del contenzioso. Ancora più importante, la causa mira anche a vietare la vendita della famiglia di chip “Core”, almeno fino a quando le due parti non raggiungeranno un accordo di licenza. IMECAS ha intentato altre due cause per violazione di brevetto contro Intel. L’azienda non può assegnare un importo in dollari ai potenziali danni totali, affermando: “[…] non siamo in grado di fare una stima ragionevole della potenziale perdita, se del caso, derivanti da queste questioni. Contestiamo le rivendicazioni e intendiamo difenderci.” L’ultima battuta d’arresto di Intel nel caso FinFET segue una lunga serie di tentativi per portare il processo di revisione dei brevetti presso l’U.S. Patent and Trademark Office. Tuttavia, l’USPTO ha deciso di lasciare la controversia nelle mani delle autorità cinesi.

Intel ha iniziato a utilizzare i progetti FinFET con il debutto dei suoi processori Ivy Bridge nel 2011 e continua a impiegare la tecnologia nei suoi ultimi prodotti. La controversia verte sul brevetto 457 (CN 102956457), noto anche come “brevetto FinFET”. IMECAS ha anche citato in giudizio Dell China e JingDong Century Information Technology (JD) per aver violato lo stesso brevetto, ma quelle società hanno offerto un’indennità.

Intel ha riscontrato un certo successo contestando la validità del brevetto: tre delle rivendicazioni sono state ritenute non valide. Tuttavia, undici delle domande sono ancora in corso. Ciò significa che, salvo ulteriori contestazioni, la causa per violazione andrà avanti. IMECAS ha anche ampliato i suoi sforzi, facendo causa a Intel per altre due violazioni di brevetto relative alla vendita e alla produzione dei suoi processori Core i3 (CN 102386226 — ‘226 Patent), questa volta inerenti alla tecnologia MOSFET. Queste richiedono anche ingiunzioni e rimborsi per le spese di contenzioso, ma differiscono per il fatto che IMECAS si riserva il diritto di richiedere un importo non specificato di danni.

Credit: Intel
Intel FinFET Transistor

Secondo ICsmart, con oltre 5.000 brevetti depositati in Cina e 500 depositati in paesi stranieri, insieme a 1.505 licenze nelle tecnologie IC, IMECAS ha molta esperienza con il diritto dei brevetti. Anche Intel non è di certo l’ultima arrivata, quindi possiamo aspettarci che questi casi si trascinino per un po’ di tempo. La contestazione della validità del brevetto FinFET è ancora ai suoi primi passi, ma, a ogni modo, sembra che Intel stia esaurendo le opzioni per contestare la veridicità del brevetto, quindi questo caso potrebbe entrare in aula o vedere un accordo nei prossimi mesi.