Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
CPU

Intel punta sul deep learning, shopping da 350 milioni

Intel ha acquistato Nervana Systems, una startup impegnata nel settore del deep learning, branca del machine learning che prevede l'impiego di strati di reti neurali per creare intelligenze artificiali capaci di snocciolare una mole di dati senza precedenti a grandissima velocità, con l'obiettivo di rendere le "macchine" sempre più intelligenti e garantire un'interazione sempre più naturale con l'uomo.

L'intesa si sarebbe raggiunta, secondo indiscrezioni, con un esborso di 350 milioni di dollari. In un post sul proprio blog, il CEO e cofondatore di Nervana Naveen Rao ha spiegato che l'azienda continuerà a lavorare come fatto in passato, sviluppando framework, piattaforme e hardware per questo campo dell'intelligenza artificiale.

intel deep learning

Il team dell'azienda di San Diego, 48 persone in tutto (sono attivi da due anni), si unirà al Data Center Group di Intel non appena l'operazione sarà finalizzata. Intel ha spiegato che le capacità di Nervana le saranno utili per l'accelerazione degli algoritmi di deep learning.

"Applicheremo l'esperienza software di Nervana per ottimizzare ulteriormente l'Intel Math Kernel Library e la sua integrazione nei principali framework industriali", ha affermato Diane Bryant, EVP e GM del Data Center Group. Allo stesso tempo gli ingegneri potranno dare il loro contributo a migliorare le prestazioni dei prodotti Xeon e Xeon Phi nell'ambito dell'intelligenza artificiale.

Secondo Matt Ocko di Data Collective Managing Partner, stratega del primo round di investimenti raccolti da Nervana, "Intel non ha solamente comprato qualcosa che è sia più veloce che efficiente dal punto di vista energetico rispetto a Nvidia. Intel ha acquistato qualcosa che può vendere su schede, sistemi e persino supercomputer ai propri clienti e che supera tutto ciò che hanno Facebook, Google, Baidu o Microsoft".

Se ai proclami è sempre meglio anteporre un po' di cautela, dando un'occhiata al sito di Nervana e più in particolare alla parte hardware si può vedere come l'azienda abbia sviluppato un ASIC per il deep learning, costituito da un interposer e con 32 GB di memoria HBM. L'ASIC offre sei interconnessioni proprietarie bidirezionali che permettono a cluster chip di essere connessi intra o inter-server per ottenere maggiore velocità.

L'azienda ha anche sviluppato un SDK chiamato Neon per l'implementazione di applicazioni di deep learning. Tutto questo, unito all'impegno di Intel nel mondo dei datacenter e l'acquisizione di Altera e dei suoi FPGA dovrebbe permettere all'azienda statunitense di dire la propria in un settore in costante espansione in cui tutti i principali colossi mondiali stanno investendo ingenti risorse.

Intel Core i7-6950X Intel Core i7-6950X
ePRICE

Intel Core i7-6850K Intel Core i7-6850K
ePRICE