CPU

Intel taglia il fatturato, il mercato PC rallenta bruscamente

Intel ha tagliato in modo netto le stime di fatturato del terzo trimestre, mettendo in allarme tutto il comparto dei PC. A luglio, contestualmente all'annuncio dei dati finanziari del secondo trimestre, l'azienda guidata da Paul Otellini aveva previsto un fatturato di 14,3 miliardi (più o meno 500 milioni di dollari) per i tre mesi successivi.

Un dato che aveva già fatto storcere la bocca al mercato e che purtroppo Intel oggi è stata costretta a rivedere: l'azienda si aspetta un fatturato di 13,2 miliardi di dollari, con una tolleranza di "più o meno 300 milioni di dollari". Il margine lordo scende invece dal 63% al 62%. A conti fatti si passa da un fatturato massimo ipotetico di 14,8 miliardi a uno di 13,5 miliardi: 1,3 miliardi di differenza.

I dati finali potrebbero essere profondamente diversi, migliori o peggiori dell'esempio che abbiamo fatto, ma rimane chiaro che la crisi mondiale continua a mordere e da un trimestre all'altro lo scenario può cambiare anche molto rapidamente. Fare una stima ed essere costretti a ridurla di circa un miliardo non dà la sensazione di un mercato stabile e per questo Intel ha pagato con un calo del 3,61% al NASDAQ. La notizia ha avuto un impatto anche sull'andamento del titolo di AMD, Nvidia e altre aziende.

"Rispetto alla precedente previsione, l'azienda rileva che i clienti stanno diminuendo le scorte nella catena di fornitura anziché procedere con l'incremento tipico del terzo trimestre; a questo si somma la debolezza nel segmento dei PC enterprise e il rallentamento della domanda dei mercati emergenti. Il settore dei datacenter soddisfa invece le attese", ha dichiarato Intel.

Le parole della casa di Santa Clara fotografano un calo degli ordini che è chiaramente dovuto alla minore domanda mondiale (per la crisi), e che non riguarda solo la zoppicante Europa o gli Stati Uniti, ma anche quei mercati che da anni crescono e che sono visti come grandi opportunità dal settore tecnologico. Allo stesso tempo i dati potrebbero essere collegati anche all'arrivo di Windows 8, sebbene ci siano diversi modi per fotografare la situazione.

Il primo è che i produttori di PC starebbero cercando di "sbarazzarsi" dell'inventario attuale per poi procedere agli ordini e alla presentazione dei nuovi prodotti dopo il debutto del nuovo sistema operativo Microsoft, fissato per il 26 ottobre.

Il secondo è che gli ordini stanno semplicemente andando da un'altra parte, cioè verso la piattaforma ARM e il mondo dei tablet (tra cui troviamo anche interessanti modelli convertibili). Un motivo in più per Intel per intensificare l'azione in quel particolare settore e non è un caso che Reuters riporti in queste ore che l'azienda sta cercando personale con competenze specifiche.

Il terzo è che semplicemente la minor domanda porta a una minore produzione e quindi a un ordine di CPU più contenuto. Molte persone stanno attendendo la fine dell'anno per spendere qualcosa, vuoi perché si ha a disposizione un budget maggiore, vuoi semplicemente perché si attendono i nuovi prodotti per avere un quadro migliore su come investire i propri soldi.

Oggi come oggi, con l'assenza di un grande avversario di mercato nel settore PC, vedere Intel che frena bruscamente è un segnale brutto per tutto il mercato. Per molte aziende ora si gioca una partita importante, perché è proprio in momenti come questi, di cambiamento e crisi, che si tracciano le strategie vincenti per una crescita futura di lungo periodo.