Software

Internet Explorer 10 potrebbe arrivare rapidamente

Lo sviluppo di Internet Explorer procederà anche dopo l’uscita della nona versione. Secondo quanto appreso da WinRumors, Microsoft continuerà a offrire con regolarità build di prova agli sviluppatori. Il colosso di Redmond sembrerebbe quindi disposto a cambiare passo nel mondo dei browser. Dopo anni di uscite a braccetto con il sistema operativo, con la versione 9 dovrebbe inaugurare una nuova era per Internet Explorer.

Il nuovo browser sarà disponibile il 14 marzo, tra due giorni, e la sua uscita segnerà un punto di rottura con il passato. Microsoft si è impegnata molto per ricucire il gap con i propri concorrenti. Per tenersi in corsa nel settore, l’azienda sembrerebbe aver capito che una release ogni due anni è troppo poco.

Secondo Winrumors “Microsoft continuerà a offrire agli sviluppatori versioni Platforum Preview per la prossima generazione di Internet Explorer. “Dean Hachamovitch, vicepresidente corporate del team Internet Explorer di Microsoft, terrà una conferenza al MIX 11. […] Il focus principale sarà su Internet Explorer 9 mobile, distribuito nella seconda metà del 2011. Tuttavia Hachamovitch potrebbe anche svelare i piani dell’azienda per le future Platform Preview che serviranno a preparare Internet Explorer 10“.

Da parte nostra non possiamo che augurarci che queste informazioni si rivelino corrette. Lo sapete, se c’è più competizione a goderne sono gli utenti finali. E tra questi ci siamo anche noi. Nel frattempo Microsoft ha voluto far sapere – con una mossa di marketing intelligente – che la falla di sicurezza sfruttata dagli hacker al Pwn20wn 2011 per aggirare Internet Explorer 8 non è presente nel nuovo Internet Explorer 9.

“Microsoft ha appreso di una vulnerabilità in IE8. Abbiamo rapidamente determinato che la falla è già stata risolta nelle versioni PC e RTM di Internet Explorer 9. Gli aggiornamenti per le versioni precedenti di IE sono in sviluppo. Dato che questa vulnerabilità non è presente su IE9, Microsoft incoraggia i clienti ad avvantaggiarsi dei miglioramenti di sicurezza offerti dal browser che sarà disponibile dal 14 marzo”.

Legandoci al discorso del Pwn20wn, è interessante segnalare come Google sia intervenuta rapidamente per aggiornare Google Chrome (scaricalo qui), dopo che alcuni ricercatori hanno rintracciato una falla in WebKit. (Safari e IE8 cadono come mosche al Pwn2Own 2011) Chrome non è stato attaccato, perché gli exploit preparati dai concorrenti erano già stati “chiusi” da Google con aggiornamento prima della manifestazione. Il browser è quindi uscito illeso, ma non il suo cuore WebKit.

Nella seconda giornata della manifestazione, il team composto da Willem Pinckaers, Vincenzo Iozzo e Ralf Philipp Weinmann è riuscito a sfruttare una falla di WebKit per aggirare un Blackberry (iPhone 4 e BlackBerry non resistono agli hacker). Appreso del problema, Google ha deciso di aggiornare Chrome e ha ricompensato con 1337 dollari ai tre ricercatori. La nuova versione di Chrome è scaricabile da qui.