Nvidia svela le GPU Blackwell da 1000W: Dell le raffredda senza liquido!

Dell ha indirettamente svelato le GPU Blackwell da 1000W, un aumento del 40% rispetto alla generazione precedente. Una potenza tutta dedicata all’Intelligenza Artificiale.

Avatar di Valerio Porcu

a cura di Valerio Porcu

Senior Editor

Nvidia ha svelato le specifiche delle sue prossime GPU per l'intelligenza artificiale, denominate Blackwell, con un'impressionante potenza di 1000 Watt ciascuna, un aumento del 40% rispetto alla generazione precedente. L’informazione non arriva direttamente da Nvidia ma è emersa durante la conferenza sugli utili di Dell, uno dei principali produttori mondiali di server, che ha dovuto ideare soluzioni di raffreddamento innovative per gestire il calore generato da queste potenti GPU.

L'aumento della potenza delle GPU Blackwell presenta sfide significative in termini di dissipazione del calore, con Nvidia che si aspetta che le sue prossime schede consumino fino a 1000 Watt ciascuna. Tuttavia, Dell ha dichiarato di essere in grado di gestire questa potenza senza l'utilizzo di raffreddamento a liquido.

Si prevede che Nvidia adotti un processo produttivo di nuova generazione, un fatto da solo dovrebbe aiutare molto a ridurre il calore generazione, e quindi da dissipare. 

Considerando l'importanza delle prestazioni delle GPU per le applicazioni di intelligenza artificiale e calcolo ad alte prestazioni (HPC), sia in termini di potenza di calcolo che di dissipazione del calore, l'attenzione si sposta sull'efficienza energetica e sulle soluzioni di raffreddamento innovative. 

L'annuncio delle GPU Blackwell da 1000W di Nvidia e l'innovativo approccio di raffreddamento di Dell segnalano importanti progressi nell'industria del calcolo ad alte prestazioni, aprendo la strada a nuove possibilità di applicazioni nell'intelligenza artificiale e nell'HPC. 

Il futuro dell'elaborazione ad alte prestazioni si prospetta sempre più promettente, con soluzioni tecnologiche all'avanguardia che trasformeranno il modo in cui gestiamo e sfruttiamo la potenza di calcolo.