Tom's Hardware Italia
Software

Oculus, la società impedisce la riproduzione di giochi SteamVR sui propri visori?

Sembra che Oculus voglia impedire, alle app presenti sul proprio store, di poter riprodurre giochi appartenenti al catalogo Steam VR.

Recentemente, in un post su Reddit, l’utente Virtual Desktop Developer (Guy Godin), ha rivelato di essere al lavoro sull’omonima app “Virtual Dekstop” per Oculus Quest, che permette di eseguire lo streaming del proprio dekstop sul visore VR. Fin qui nulla di strano, ma lo sviluppatore ha raccontato di essere stato costretto da Oculus a rimuovere una funzionalità presente nell’applicazione, che permette agli utenti di giocare ai titoli SteamVR anche su un visore Oculus Quest.

Queste sono le parole che possiamo leggere su Reddit: “Ciao ragazzi, mi dispiace annunciarlo, ma Oculus non vuole la funzionalità di streaming SteamVR nel proprio negozio. Sviluppo app in VR da più di 5 anni e, come alcuni di voi sapranno, mi piace sperimentare e spingere lo sviluppo tecnologico. Ho visto la possibilità di trasmettere contenuti VR dal PC come un’idea davvero interessante, e ho pensato che sarebbe stato perfetto per la mia app dal momento già consente l’accesso al proprio computer”.

“Mi sembrava una caratteristica bonus carina”, continua Guy Godin. “Ho lavorato su questo per mesi ed ero impaziente di migliorare la funzionalità, anche grazie ai feedback da voi ricevuti negli ultimi giorni, ma secondo Oculus sto danneggiando Quest. Cercherò di fornire un APK separato con la funzionalità di streaming VR abilitata e renderlo disponibile tramite SideQuest (un app store aperto per dispositivi VR basati su Android, ndr) nei prossimi giorni.”

Negli ultimi mesi, Oculus ha rivelato che controllerà più severamente le applicazioni presenti nel suo store, ma gli utenti non sembrano affatto soddisfatti della decisione presa, tanto da creare un altro gruppo su Reddit dove chiedono di segnalare Oculus alle autorità competenti in merito alle violazioni antitrust e anticoncorrenziali.

Sebbene le proteste dell’utenza possa sembrare legittima, essendo questa un’app presente sul suo store, onestamente non possiamo dire se si tratti di una violazione da parte di Oculus oppure no.

L’intento di Oculus sembra insomma essere quello di impedire agli utenti di espandere la portata del loro Oculus Quest, riproducendo i titoli VR acquistati da Steam. L’azienda potrebbe rivedere la sua posizione vista la reazione dell’utenza, come successo in precedenza con Revive, la funzione che consente agli utenti HTC Vive di riprodurre i titoli acquistati dallo store Oculus.

Sulla vicenda Oculus ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Anche se non commentiamo lo stato di app specifiche, il nostro sistema di presentazione delle domande di Oculus Store è progettato per garantire che i nostri dispositivi offrano un’esperienza coerente e confortevole ai clienti”.

“Le app vengono valutate su una serie di fattori” si legge nella nota dell’azienda “tra cui prestazioni, input e sicurezza, con l’obiettivo di creare un’esperienza di qualità e di alto livello per tutti gli utenti che utilizzano il nostro sistema VR.”