Schede Grafiche

Frequenze, temperature e rumorosità

Pagina 3: Frequenze, temperature e rumorosità

Temperature e frequenza

freq 01

La temperatura massima di 85°C è raggiunta piuttosto rapidamente a causa del controllo della ventola abbastanza conservativo. A quel punto, lo slot della scheda è approssimativamente al 6% delle sue prestazioni rispetto a quando è ancora fresco. Questo è quasi interamente dovuto al throttling automatico della frequenza di circa il 9%. Abbiamo calcolato una frequenza media lungo l'intera sessione per ogni passo di 5 °C. I risultati hanno spaziato da 1533 MHz con la scheda fresca fino a 1401 MHz quando era completamente calda.

Curve temperatura e consumi

Qui è dove le cose si sono fatte interessanti. Ai 1401 MHz con la scheda riscaldata, abbiamo misurato circa 285W. Tuttavia con la scheda fresca a 1533 MHz, abbiamo misurato circa 310W. Questo significa che un aumento del consumo del 9% ci ha restituito un incremento di frequenza del 9% che a sua volta ha aumentato le prestazioni di gioco del 6%. Questo è accettabile, ma mostra anche che la curva di efficienza inizia già a scendere. Non c'è molto margine a disposizione.

freq 02

Questo significa anche che le perdite dovute alla dispersione non giocano davvero più un grande ruolo. Quei tempi in cui si potevano risparmiare 40W mantenendo la scheda fresca alla stessa frequenza sono finiti. Questo almeno è qualcosa.

Temperature GPU vs. HBM2

freq 03

A meno che i sensori non ci mentano, la temperatura massima della GPU è 84°C (85°C di picco), mentre l'HBM arriva fino a 90°C (94°C di picco durante lo stress test). Quest'ultimo dato sembra piuttosto alto, ma finisce vicino al tetto delle GDDR5X. Terremo un occhio su entrambe le temperature nei test futuri; è importante per assicurare che i dati dei sensori siano accurati al 100%.

freq 04

Durante lo stress test, la scheda si riscalda così rapidamente che le curve per case aperti e chiusi sono praticamente una sovrapposta all'altra.

Temperature scheda

freq 05
freq 06

Quello che emerge chiaramente è che la scheda appena sotto la GPU è circa 5°C più fresca dell'interno di Vega 10! Il motivo per cui succede l'abbiamo scritto prima. La GPU e l'HBM2 della RX Vega 64 sono su un interposer collegato a un substrato package posizionato sopra il PCB. Inoltre, l'interposer non sembra fare pieno contatto con questo substrato, e quindi causa problemi di sottoriempimento. L'aria tra i layer agisce quasi come isolante.

freq 07
freq 08

Durante lo stress test le temperature sono un pochino più basse perché la ventola gira più rapidamente e per via della frequenza inferiore di Vega 10 (throttling).

Rumorosità

Usando la modalità Balanced, la RX Vega 64 genera un massimo di 48,2 dB(A). La scheda, tuttavia, riesce a superare i 50 dB(A) in modalità Turbo. Abbiamo fatto i complimenti ad AMD per la soluzione di raffreddamento nella recensione della Vega Frontier Edition. Tuttavia, una piacevole brezza si è trasformata nel frattempo in un tornado arrabbiata. Questo è dovuto al consumo che è salito troppo. Una GeForce GTX 1080 Ti Founders Edition con un power target massimo 295W è quasi altrettanto rumorosa.

freq 09
Clicca per ingrandire

La versione della soluzione di raffreddamento usata sulla RX Vega 64 differisce molto da quella usata sulla Vega Frontier Edition. È troppo aggressiva, troppo calda e ovviamente troppo rumorosa.