Tom's Hardware Italia
Schede Grafiche

RTX 2080 Ti ArcticStorm, Zotac mette il TU102 sotto liquido

Zotac ha svelato la RTX 2080 Ti ArcticStorm, una scheda video con un waterblock di fabbrica per il raffreddamento a liquido.

Zotac ha annunciato la nuova GeForce RTX 2080 Ti ArcticStorm (ZT-T20810K-30P), una scheda video che si rivolge agli appassionati che desiderano mettere la scheda video sotto raffreddamento a liquido.

La Zotac RTX 2080 Ti ArcticStorm è dotata un sottosistema di alimentazione con 16+4 fasi e ritroviamo anche PowerBoost, il chip di controllo che ha il compito di ridurre il ripple e minimizzare le fluttuazioni dell’alimentazione.

La scheda è sormontata dal waterblock ArcticStorm, e anche se dovrebbe occupare un solo slot, la mascherina posteriore con le uscite video fa sì che ne occupi due. Per quanto riguarda la lunghezza, si parla di 295 mm.

Il waterblock è un full cover acrilico. In sé è realizzato in alluminio, mentre il cold plate a contatto diretto con la GPU è fatto in rame placcato nickel. Il cold plate è formato da micro canali da 0,3 mm per massimizzare la dissipazione del calore.

La scheda video ha anche un backplate metallico. Il waterblock è accompagnato dai tradizionali raccordi G 1/4, quindi è compatibile con la maggior parte dei raffreddamenti a liquido sul mercato. Zotac include un paio raccordi per tubi ID da 10 mm.

La scheda è dotata di illuminazione LED Spectra 2.0, controllabile dal software Zotac FireStorm. La scheda video ha due zone d’illuminazione indipendenti che potete personalizzare singolarmente o sincronizzare. Ci sono alcuni effetti di luce disponibili, che sono raggruppati in due categorie – standard e animati. A differenza delle altre schede video con illuminazione RGB che si affidano al software per salvare le impostazioni di illuminazione, la RTX 2080 Ti ArcticStorm ha una memoria a bordo per salvare le personalizzazioni.

Per quanto riguarda le specifiche tecniche, la Zotac GeForce RTX 2080 Ti ArcticStorm ha 4352 CUDA core e 11GB di memoria GDDR6. La GPU, di fabbrica, lavora fino a 1575 MHz in GPU Boost, che è 30 MHz in più della Founders Edition. La memoria opera a 14 GHz, mentre il bus è a 352 bit, per un bandwidth di 616 GB/s.

La scheda è dotata di due connettori PCIe a 8 pin, mentre per quanto riguarda le uscite video ecco tre DisplayPort 1.4a, una HDMI 2.0b e una USB Type-C per VirtualLink. Zotac non ha rivelato prezzo o disponibilità, ma probabilmente la scheda supererà abbondantemente i 1500 euro, avvicinandosi ai 2000 euro.