Tom's Hardware Italia
Computer Portatili

Toshiba Dynabook: un’occhiata al futuro dei 2 in 1

Toshiba ha presentato, un po' di nascosto, il nuovo Dynabook, un 2 in 1 che riassume come, secondo loro, i computer dovrebbero essere più belli e semplici da usare.

Toshiba è stata per molto tempo un modello per i concorrenti: i suoi portatili erano all'avanguardia tecnologica per design e dotazione. Poi il mercato si è messo a rincorrere il portatile meno caro e la vecchia leadership ha ceduto il passo a marchi meno attenti ai dettagli, ma bravissimi a tenere bassi i prezzi.

Nonostante ciò, evidentemente la filosofia di Toshiba non è sparita e questo Dynabook presentato un po' in sordina sembra confermarlo. Certo, il produttore giapponese potrebbe fare un marketing più aggressivo sui propri modelli all'avanguardia. Per riuscire a fotografarlo ci siamo dovuti intrufolare nello stand e "rubarlo" ai vari addetti Toshiba intenti a mostrarlo ai clienti.

La serie Dynabook di Toshiba ha sempre rappresentato un esperimento per cercare di portare i computer a un livello "più umano", facendo scendere dal piedistallo dedicato agli oggetti tecnologici e complicati per metterli a fianco dell'utilizzatore.

Stavolta, però, sembra che la tecnologia sia matura per compiere il grande passo e uscire dallo status di "esperimento", per arrivare davvero a un prodotto convincente che può arrivare sugli scaffali dei negozi.

P1050736 OK
Look minimal per questo nuovo Dynabook, ma molto raffinato. Il materiale della scocca è davvero piacevole al tocco.

Come si vede dalla foto, quello su cui abbiamo messo le mani è un prototipo e ci sono ancora molte cose da sistemare a livello di funzionalità meccanica, di cui parleremo dopo, ma il computer è perfettamente funzionante.

Il Dynabook si compone di un sistema tastiera/schermo completamente svincolato che può essere composto in modo da ricordare un tradizionale notebook oppure restare separato per un uso in stile tablet.

P1050741 OK
In configurazione da "notebook tradizionale" resta comunque bello da vedere e comodo da usare grazie alla tastiera di qualità.

Il tutto è molto leggero (circa 700 grammi) e la sua penna ha un comodo alloggiamento che permette di agganciarla al lato inferiore del tablet.

Nonostante sia sottilissimo, il Dynabook ha una discreta dotazione di porte: usb-c, usb 3.0, mini HDMI e Kensington, mentre la tastiera incorpora anche una batteria supplementare che arriva quasi a raddoppiarne l'autonomia.

P1050739 OK
Pulsanti di accensione e volume sono minimali anche loro. Del resto, con uno spessore così limitato e la forma tondeggiante, non si può averli più grandi.

La scocca è interamente in metallo, così come la tastiera, molto reattiva e comoda, mentre la penna sembra anche più precisa di quella del Surface.

La prova è stata necessariamente brevissima in quanto il modello presentato era solo un prototipo, ma il suo scopo era quello di introdurre il concetto che finalmente la tecnologia è matura per portare i pc in una nuova dimensione, più vicina a quella dell'uso quotidiano.

P1050738 OK
L'alloggiamento della penna è ancora provvisorio, ma almeno ci dice che loro hanno pensato al fatto che l'utente DEVE avere un posto dove mettere il pennino invece di averlo sempre a spasso.

Un computer così leggero può seguirci ovunque, essere usato tramite una penna (con l'ausilio dei tre programmi TrueNote, TrueCapture e TrueRecorder, per la prima volta tutti e tre installati su un solo prodotto) e restare un oggetto di stile, piacevole da guardare e toccare.

Sul Dynabook c'è ancora un po' di lavoro da fare: il sistema resta attualmente chiuso tramite un aggancio magnetico tra tastiera e schermo che non dà ancora una sufficiente sensazione di robustezza e stabilità.

P1050742 ok
Questo è un punto debole del progetto, secondo me: manca un sistema di cerniera. Lo schermo lo si incastra nella scanalatura e resta fermo così.

L'aggancio del pennino era provvisorio e sarà sicuramente rivisto, la dotazione tecnica non è ancora definitiva. La sensazione, però, è che la strada sia quella giusta: creare un computer che metta al primo posto la semplicità d'uso, sfruttando diversi sistemi di input e cercando di togliere tutte quelle piccole scomodità che costellano la portatilità ancora al giorno d'oggi.

Sicuramente bisognerà attendere ancora qualche mese e non costerà poco, un nodo importante da sciogliere per portare i nuovi pc alla portata di tutti, ma forse basterà copiarne le caratteristiche risparmiando su materiali e dotazione tecnica per far arrivare la vera innovazione anche a chi non ha migliaia di euro da spendere in un computer.