Software

Windows 8 si aggiorna anche da XP ma senza tasto Start

Microsoft ha tolto il tasto Start da Windows 8 perché non lo usa quasi nessuno già in Windows 7. Lo ha ribadito il dirigente dell'azienda Chaitanya Sareen, confermando quanto avevamo già appreso dal blog dedicato allo sviluppo di Windows 8.

Dati alla mano infatti risultata che con Windows 7 gli utenti preferiscono mettere le proprie applicazioni preferite nella barra delle applicazioni, e non usano quasi per nulla il classico menù di avvio. Le informazioni su cui si basa tale affermazione sono i dati telemetrici che Microsoft raccoglie da tutti i PC in uso, se il proprietario acconsente.

Eccolo lì il tasto Start, sano come un pesce

Se occasionalmente si vuole accedere al pannello di controllo o alla gestione dell'hardware, come sappiamo, è facile farlo usando la ricerca – vero punto centrale dell'ergonomia di Windows 8. Secondo MS in Windows 8 il tasto Start poi è presente a destra, e le numerose critiche degli appassionati sono ingiustificate.

Sareen ha anche aggiunto che l'interfaccia Metro funzionerà al meglio anche con mouse e tastiera, e che le difficoltà attuali sono dovute semplicemente a driver ancora immaturi, in particolare per quanto riguarda il touchpad dei notebook.

Chi si lamenta per la mancanza del tasto Avvio quindi dovrà farsene una ragione, e magari domandarsi se non faccia parte di una minoranza ristretta – almeno questo sembra il messaggio di Microsoft.

E a proposito di minoranze, chi ha comprato un PC Windows 7 a partire dallo scorso 2 giugno (e fino al prossimo 31 gennaio), potrà aggiornare il sistema operativo per soli 14,99 dollari. Tutti gli altri dovranno pagare invece il prezzo pieno, fermo restando che la maggior parte delle persone non cambia sistema operativo fino a che non compra un nuovo computer – a eccezione naturalmente di alcuni appassionati ed esperti.

Sarà possibile passare da Windows 7 a Windows 8 mantenendo dati, applicazioni e impostazioni personali, e lo stesso vale per Windows Vista SP1. Chi invece usa Windows Vista senza SP o Windows XP SP3 potrà mantenere solo i dati, ma dovrà rinunciare a impostazioni e applicazioni.

###old1156###old

A questo proposito è bene ricordare che in alcuni casi si devono disattivare le licenze delle applicazioni prima della cancellazione, altrimenti potrebbe non essere possibile installarle di nuovo.

Chi invece vuole cambiare lingua o passare da 32 a 64 bit dovrà procedere con una nuova installazione, perché l'aggiornamento non sarà possibile.