top caffè

Cialde, capsule e caffè macinato e in chicchi, i migliori da acquistare

Il caffè è un piacere e se non è buono che piacere è? Di citazioni sulla bevanda più consumata e più amata dagli italiani ne potremo citare a centinaia, ma la sostanza è sempre la medesima: il caffè deve essere buono, di buon gusto e ogni sorso deve corrispondere a un enorme piacere.

Con la quarantena forzata ormai alle spalle, speriamo per sempre, possiamo sicuramente tornare a gustare l’amata bevanda nei nostri bar preferiti ma questo non significa rinunciare a un buon caffè quando siamo a casa. C’è chi preferisce la moka, chi invece opta per una macchina del caffè, che può essere a cialde, a capsule oppure automatica o da bar.

Nel mercato ce ne davvero di tuttii tipi e data la nostra esperienza più che decennale nella degustazione del gustoso nettare che permette di portare quotidianamente decine di contenuti originali, abbiamo deciso di rendervi la vita più facile, andando dritti al punto per permettervi di scegliere quella più adatta a voi.

Sul mercato ci sono attualmente tre tipologie di macchine del caffè oltre alla classica moka, comunque sempre ben accettata soprattutto durante le fredde mattine invernali in cui sentire il gorgoglio del caffè che piano piano fuoriesce aiuta il risveglio. Si tratta delle macchine con capsule, delle macchine tipo bar e delle macchine in grado di macinare i chicchi di caffè. Ecco dunque varie opzioni per ciascuna tipologia.

Caffè macinato in stile bar

Le macchine del caffè tipo bar sono dotate di portafiltro, sono facili da pulire e necessitano di poca manutenzione. A seconda del modello sono compatibili sia con il caffè macinato sia con le cialde ESE. Sono da preferire per chi ha poco spazio, vuole ridurre gli sprechi derivanti dalle cialde in alluminio o plastica e preferisce una maggiore praticità d’uso e la possibilità di poter realizzare comodamente un cappuccino, grazie all’apposito vaporizzatore. Ce ne sono su vari segmenti, dalle poche decine di euro come questa IKOHS Thera Retro  fino a superare diverse centinaia di euro come La Pavoni Gran Caffè.

In questo caso la scelta della miscela deve soddisfare il gusto personale. La regola è sempre la stessa: l’arabica dona acidità e ha un sapore molto deciso, la robusta invece tende al dolciastro e dona la cremosità al caffè. Va da sé che le miscele con 100% arabica avranno un sapore più deciso, mentre quelle miste saranno più amabili. Difficili accontentare tutti, ma ecco i nostri suggerimenti, che comprendono anche dei caffè molto particolari, da considerare se volete provare un’esperienza unica:


Caffè in cialde o capsule

Le macchine a cialde sono di tipologia Nespresso, Dolce Gusto e A Modo Mio, oltre alle già citate ESE. Ci sono poi una serie di macchine con cialde proprietarie che però sono di più difficile reperibilità e soprattutto non garantiscono la varietà di scelta delle due sopracitate. Difficile preferire l’una o l’altra, in quanto entrambe offrono una vasta selezione di aromi e miscele.

La gamma di capsule DolceGusto comprende anche una serie di zuppe e bevande, da quella alle carote alla bevanda alla creme brulèè , mentre la Nespresso si limita ai prodotti di caffetteria tradizionali, variando per cioccolata calda, te e tisane. In questo caso il range di prezzi varia a seconda delle offerte. Le macchine Nespresso e DolceGusto sono piuttosto accessibili, con prezzi compresi tra i 40 e i 70 euro a seconda del modello, ma in alcuni casi possono si possono sfiorare o superare i 200 euro, come nel caso della De’Longhi Nespresso Lattissima.

Capsule Nespresso più vendute:

Cialde Nescafè Dolce Gusto più vendute:

Cialde A modo Mio


Caffè in chicchi

Sono sicuramente quelle più costose di questa lista e anche le più ingombranti. Richiedono spesso un’esigente manutenzione settimanale e anche varie procedure a cadenza periodica, in modo da mantenerne l’efficacia per preservare il gusto del caffè.

Sono però le uniche in grado di garantire la freschezza del caffè estratto da chicchi appena macinati, un gusto per alcuni fin troppo forte per altri irrinunciabile. Bisogna anche saper regolare le macine per ottenere una buona macinatura, a seconda delle temperature e dell’umidità, fattori trascurati ma che inficiano in maniera sostanziale sull’esito finale. Tra le più diffuse ci sono i modelli di Saeco/Philips, disponibili in tante varianti che includono anche diversi accessori come il serbatoio per il latte, per preparare pratici cappuccini, oppure altre funzioni per personalizzare al meglio il proprio caffè, tra cui la possibilità di poter programmare l’accensione e lo spegnimento.

Caffè in grani più acquistati