Android

Android conquista l’Italia con i telefoni da 70 euro

La metà degli smartphone in circolazione in Italia hanno sistema operativo Android. Il dato proviene dai calcoli di Kantar Worldpanel Comtech, che traccia l'andamento del settore mobile con oltre un milione di interviste all'anno solo in Europa da cui trae informazioni sugli acquisti dei telefoni, sul tipo d'uso dei prodotti e altro.

I dati relativi alle ultime 12 settimane svelano che in Italia ci sono solo due sistemi operativi in crescita: Windows Phone 7, che guadagna il 2,7 percento di quote di mercato, e Android, che fa un balzo in avanti del 24,3 percento arrivando al 49,6%.

Android è il sistema mobile più diffuso in Italia

Insomma, metà degli italiani ha un telefono Android, e le cose vanno a gonfie vele per Google anche in Gran Bretagna, Germania, Francia e Spagna, dove la percentuale ha raggiunto addirittura l'84,1%. Tutti gli altri perdono terreno, con lo scivolone più grosso per Symbian (-22,8%) e perdite limitate per iOS (-1%): tutte quote che presumibilmente sarebbero passate nelle mani di Google.

Il guadagno di Windows Phone sembrerebbe la conseguenza diretta del successo dei Nokia Lumia e della pubblicità martellante che l'azienda finlandese sta portando avanti per promuovere i prodotti con sistema operativo Microsoft. D'altro canto a fare le spese di questa promozione è Symbian, sempre meno interessante per gli utenti. Ovviamente questo dato è destinato a salire nei prossimi mesi, soprattutto dopo l'annuncio di Windows Phone 8 che potrebbe rivoluzionare il panorama odierno.

I dati dei rilevamenti di Kantar Worldpanel Comtech

Anche perché nella fascia bassa a fare la parte del leone c'è Android, come conferma Dominic Sunnebo di Kantar: "molti consumatori apprezzano la piattaforma facile e le capacità multimediali, unite a un prezzo conveniente. I dati mostrano che Android ha conquistato un'alta percentuale di consumatori che spendono meno di 70 euro per comprare il telefono".

La tendenza è evidente soprattutto nei Paesi, come il Regno Unito, in cui stanno aumentando le vendite dei telefoni comprati al di fuori degli abbonamenti e da pagare a prezzo pieno all'atto dell'acquisto. Il successo qui è garantito per prodotti come il Samsung Galaxy Ace e il Galaxy Y, scelti dai ragazzi che acquistano il loro primo telefono e non vogliono sulle spalle abbonamenti biennali a volte troppo costosi per le loro tasche.

Nonostante siano i prodotti di punta ad attirare maggiormente l'attenzione, alla fine il grosso delle vendite è quindi da imputare ai prodotti di seconda linea, com'era altamente prevedibile. Quello che non ci dicono queste ricerche è quanti poi saranno soddisfatti della loro scelta, ma c'è da scommetterci che saranno molti, perché non è scontato che ci sia per forza bisogno di un telefono di lusso per essere contenti.