Android

Google a lavoro su Fast Share: condivisione rapida come AirDrop di Apple

Google potrebbe presto mandare in pensione Android Beam e dare il benvenuto a Fast Share. È quanto è stato scoperto dai colleghi di 9to5google che sono riusciti ad abilitare la funzione. Parliamo di un metodo di condivisione veloce di file tra dispositivi vicini anche se non connessi a Internet utilizzando la connessione Bluetooth. È la stessa logica utilizzata dalla funzione AirDrop di Apple.

A quanto pare, Fast Share potrebbe essere disponibile non solo sui dispositivi Android, ma anche Chromebook, iOS e addirittura sugli smartwatch con Wear OS. La funzione sarà utilizzata per condividere file di vario genere, compresi immagini, URL e snippet di testo. Il funzionamento appare semplice e veloce. Bisogna inserire il nome del dispositivo e attivare Fast Share che utilizzerà la connessione Bluetooth e i dati relativi alla posizione.

Fast Share Google

Apparirà così la lista dei dispositivi vicini. A questo punto, è possibile selezionare il destinatario che potrà accettare o rifiutare la ricezione. Al ricevente, verranno mostrate anche le informazioni relative al nome del dispositivo che sta inviando un file e l’ID connessione. Dal punto di vista della privacy e sicurezza, sembra che non sia possibile limitare la visibilità ai soli contatti. È possibile, però, impostare i contatti preferiti che vedranno il dispositivo anche quando non si sta usando Fast Share.

Non è chiaro quando Google la renderà disponibile. Probabilmente non bisognerà attendere molto dato e potrebbe essere disponibile anche su vecchie versioni di Android dato che – secondo la fonte – non è stato possibile replicare la funzione Fast Share su un dispositivo Pixel 3XL sul quale è presente Android Q. Insomma, Fast Share potrebbe diventare l’unico modo per poter condividere rapidamente file con i propri contatti senza dover installare ulteriori applicazioni.

Il Galaxy S10+ è disponibile in offerta su Amazon. Lo trovate a questo link.