Fitness Tracker

Huami, l’azienda dietro Mi Band non ha un accordo di esclusività con Xiaomi

Huami è la società con cui collabora Xiaomi per lo sviluppo della linea Mi Band. È la stessa realtà che ha dato vita al marchio di smartwatch Amazfit, ufficialmente presente anche in Italia. Nonostante questa fruttuosa collaborazione, Huang Wang (CEO di Huami) ha precisato che non esiste un accordo di esclusività tra le due aziende.

Esiste certamente una collaborazione tra Xiaomi e Huami, considerata come corsia preferenziale per lo sviluppo di dispositivi indossabili per l’azienda di Lei Jun. Entrambe, però, non hanno vincoli di esclusività reciproca. Una prova di questa precisazione è – da una parte – lo sviluppo dei vari smartwatch a marchio Amazfit e – dall’altra – Mi Watch, il primo vero smartwatch a marchio Xiaomi sviluppato in maniera indipendente da Huami.

Insomma, sono due società completamente indipendenti che collaborano per il raggiungimento di certi obiettivi. In pratica, l’una è servita all’altra. Xiaomi ha potuto contare sul know-how di Huami per sviluppare la sua prima Mi Band nel 2014, smartband arrivata alla quarta generazione che continua a mettere a segno importanti traguardi. E Huami ha potuto beneficiare di questo successo riuscendo a creare il brand Amazfit che gli ha permesso di raggiungere la quinta posizione nella classifica dei principali produttori di smartwatch nel Q1 2019.

Tuttavia, Huami si è già messa al lavoro per lo sviluppo di Mi Band 5 attesa entro la prima metà del 2020. La novità più desiderata per il prossimo fitness tracker di Xiaomi è senza dubbio il supporto NFC a livello globale. Come ben sappiamo, infatti, la versione con NFC è attualmente riservata al solo mercato cinese ma si spera che nel corso del prossimo anno la funzione possa essere disponibile anche per i mercati internazionali.

Mi Band 4 è disponibile all’acquisto sullo store online di Unieuro a 27,99 euro. La trovate a questo link.