Apple

L’Apple iPad mini il 17 ottobre forse a 200 dollari

Il 17 ottobre potrebbe essere il giorno in cui Apple presenterà l'iPad mini. Se l'esistenza del gadget è ormai una certezza, sulle date scelte dall'azienda c'è ancora qualche dubbio. Un investitore avrebbe saputo dalle proprie fonti che gli inviti per l'evento partiranno da Cupertino il prossimo 10 ottobre, come racconta Philip Elmer Dewitt di Fortune

Potrebbe essere un'ipotesi imprecisa ma credibile, così come quella di un effettivo arrivo nei negozi il due novembre. Per Apple si tratterebbe di entrare in un settore dove già si trovano alcuni dispositivi Android, i più noti dei quali sono certamente gli Amazon Kindle Fire e il Google Nexus 7.

Apple iPad Mini

Lo strapotere di Apple nel mercato tablet potrebbe avvantaggiare l'iPad Mini. Ci si aspetta un dispositivo con uno schermo ad alta densità (Retina) da 7,85 pollici, basato sulla stessa piattaforma dell'attuale iPad 2 – quest'ultimo a sua volta è stato rinnovato recentemente, con un processore realizzato a 32 nm.  

Quanto al prezzo c'è chi ritiene che questo dispositivo potrebbe costare circa 200 dollari, e se fosse vero Apple potrebbe destabilizzare questo giovane mercato e mettere nei guai la concorrenza. Ci sembra tuttavia più probabile che sull'etichetta ci sarà scritto 299 o 249 euro, nella migliore delle ipotesi: prezzi che sarebbero più in linea con le abitudini di Apple, e che s'inserirebbero con più armonia nei listini attuali. Non è da escludere tuttavia una sorpresa da questo punto di vista.  

Si dice anche che Foxconn, il principale fornitore di Apple, abbia deciso di usare i nuovi stabilimenti brasiliani per produrre l'iPad mini, ma questi sono stati costruiti per il mercato locale, con l'obiettivo di evitare le tasse sull'importazione. Inoltre non ci sarebbero né la capacità produttiva delle fabbriche cinesi né la loro competitività quanto ai costi di produzione.

Qualcuno di è preso il disturbo di realizzare un modello basandosi sulle specifiche 

Da parte di Apple non ci sono commenti. In ogni caso l'arrivo dell'iPad mini a metà ottobre avrebbe senso: sarebbe una scelta strategica  azzeccata, al momento giusto per cogliere gli ultimi strascichi dell'eco mediatica creata dall'iPhone 5, e avviare la macchina del marketing per le spese natalizie. 

###old1839###old

La cautela tuttavia è d'obbligo: un investitore potrebbe anche mettere in giro voci infondate per alimentare una speculazione sulle azioni. Nel caso specifico, quelle di Apple hanno visto un calo sostanzioso ieri dopo che queste notizie hanno cominciato a diffondersi, probabilmente perché si è parlato di un prezzo di 200 dollari – piuttosto basso tanto per le abitudini di Apple quanto per le preferenze delle borse.