Android

Le app per appuntamenti possono aiutare a diffondere malattie sessuali

È ormai un dato di fatto che la tecnologia incida sulle abitudini sociali e culturali ma possono addirittura contribuire a diffondere le malattie? Nel caso di quelle legate ai comportamenti sessuali si, almeno a sentire i ricercatori delle Nazioni Unite.

Secondo una ricerca recente infatti sembrerebbe esserci un nesso in Asia tra un recente picco di HIV è il successo delle app mobile dedicate agli incontri casuali, soprattutto tra i maschi gay. Il lavoro di ricerca è stato molto accurato ed è durato ben due anni, durante i quali si è potuto appurare che nella regione asiatica, dove vivono 1.2 miliardi di adolescenti, il sempre maggior diffondersi di app dedicate agli incontri si è accompagnato ad un incremento delle malattie sessualmente trasmesse, favorendo le opportunità di avere incontri sessuali occasionali.

4963

Nonostante nel mondo le infezioni da HIV siano in calo, in Asia c'è stato un picco perché, a quanto pare, per i giovani uomini gay è difficile fare conoscenze e trovare quindi al contempo occasioni sessuali da svolgere in sicurezza, essendo molto spesso ghettizzati a scuola a causa di pregiudizi sociali molto diffusi nei loro confronti nella regione asiatica e impossibilitati, se minorenni, a frequentare i locali per soli uomini.

L'emergere di queste app dedicate agli incontri ha costituito dunque una valvola di sfogo a un problema sociale, portando però ad avere un maggior numero di incontri occasionali con perfetti sconosciuti, aumentando esponenzialmente il rischio di infezioni.

I ricercatori delle Nazioni Unite credono che gli sviluppatori di app debbano fare di più per sensibilizzare i loro giovani utilizzatori nei confronti dei rischi legati alle malattie sessuali e all'HIV in particolare, ma ovviamente questo sarebbe solo un tassello di una strategia molto più ampia e articolata che dovrebbe mirare a cambiare le condizioni sociali e culturali in cui vivono in Asia i giovani gay.